esplosione a Manhattan
|

Esplosione a Manhattan, Bill de Blasio: «L’attentatore fermato aveva intento terroristico»

Questa mattina alle 7.19 ora locale (13.19 ora italiana) c’è stata un’esplosione a Manhattan, nei pressi di Times Square, in uno dei tunnel della stazione centrale dei bus, Port Authority, da cui transitano ogni giorno 250.000 persone. Si è trattato di un “tentato attacco terroristico”, come ha spiegato il sindaco di New York, Bill de Blasio. Il terminal era infatti colmo di persone, quando l’ordigno è esploso prematuramente, in uno dei tunnel. La bomba artigianale era trasportata da Akayed Ullah, l’attentatore 27enne originario del Bangladesh e residente a Brooklyn. L’uomo è rimasto ferito nella deflagrazione, insieme ad altre tre persone. Nessuno dei quattro è in pericolo di vita.

ESPLOSIONE A MANHATTAN, ARRESTO E FERITI

L’ordigno è artigianale: si tratta di una “pipe bomb”, formata da un tubo metallico e delle batterie, che l’attentatore nascondeva sotto il giubbotto, a cui erano attaccati con del nastro adesivo. L’esplosione a Manhattan è avvenuta accidentalmente, prima di quando Ullah aveva previsto. Il terminal di Port Authority a quell’ora è pieno di persone, che si recano a New York per lavoro. L’uomo è stato fermato ed è in stato di arresto, piantonato all’ospedale di Bellevue.

ESPLOSIONE A MANHATTAN, LE INDAGINI

Le indagini sono per terrorismo: gli inquirenti stanno cercando possibili legami tra il sospetto e l’Isis, anche se il capo della polizia di New York, James O’Neill non si è sbilanciato in questo senso.

Gli artificieri hanno bloccato la zona, cercando tracce di altri ordigni inesplosi. Il sindaco Bill De Blasio ha fatto sapere che nessuna bomba è stata ritrovata, né c’è traccia di complici di Ullah. Al vaglio anche le immagini di una telecamera di sicurezza, che avrebbe ripreso l’attentatore poco prima dell’esplosione a Manhattan.

ESPLOSIONE A MANHATTAN, GLI SVILUPPI

Al terminal di Port Authority sono intervenuti gli agenti del Nypd (New York Police Department), i soccorsi e anche una squadra di artificieri. Dopo l’esplosione a Manhattan, tre linee della metropolitana – la A, la C e la E – sono state chiuse, mandando in tilt il traffico della città.

La Casa Bianca ha reso noto che il presidente Donald Trump è stato informato dell’accaduto e viene costantemente aggiornato, come il sindaco Bill de Blasio.

 

Foto copertina: da Twitter