Nadia Toffa
|

Le Iene su Nadia Toffa: «Sta meglio e ci segue» | VIDEO

Nadia Toffa è stata salutata con un forte applauso del pubblico presente in studio durante un momento delle Iene di martedì 5 dicembre 2017, in cui i conduttori Teo Mammuccari e Ilary Blasi, con il commento della Gialappa’s Band, hanno comunicato lo stato di salute della protagonista della trasmissione di Italia 1.

IL VIDEO DEL COMMOSSO SALUTO DELLE IENE A NADIA TOFFA

Nadia Toffa, che si è sentita male sabato scorso in un albergo di Trieste, sta meglio e riesce a seguire il programma, come hanno detto Mammuccari e Blasi. Entrambi hanno sottolineato il grande spavento provato nel fine settimana, causato da una patalogia cerebrale non ancora chiarita dai medici del San Raffale di Milano, l’ospedale dove la Iena è stata trasferita dopo il primo ricovero a Trieste. Ilary Blasi e Teo Mammuccari hanno rimarcato di avere uno stato d’animo provato dalle condizioni di salute della loro collega, definita una persona importantissima per un programma come le Iene, una grande professionista e un’amica che è stata male. Marco Santin della Gialappas’ Band ha evidenziato come lo scorso weekend sia stato uno dei peggiori di sempre per le Iene, mentre Giorgio Gherarducci ha ironizzato sulla grande paura causata dal malore di Nadia Toffa.

LEGGI ANCHE > L’IRA DI CARLO CALENDA CONTRO REPORT

Ilary Blasi ha rimarcato con forza come Nadia Toffa stia meglio, ma come ovviamente abbia bisogno di un po’ di riposo per riprendersi, tra i forti applausi del pubblico. Le persone presenti in studio hanno esclamato il nome di Nadia Toffa; Mammuccari e Blasi hanno invitato la Iena a non fare scherzi, mentre la Gialappa’s Band ha auspicato che Toffa si possa rimettere in piedi a breve per tornare a rompere le balle a chi se lo merita. Ilary Blasi ha ringraziato le persone per la grande solidarietà e affetto dimostrate verso Nadia Toffa e le Iene, mentre Mammuccari ha ironizzato sulla mancanza della Iena per la trasmissione della domenica, dove la sua assenza si è fatta sentire.