Nadia Toffa, le ultime informazioni sullo stato di salute della Iena

di Redazione | 04/12/2017

Nadia Toffa

Nadia Toffa è ancora ricoverata in terapia intensiva all’ospedale San Raffaele di Milano. La giornalista TV, come raccontato ieri da Nicola Savino, Giulio Golia e Matto Viviani nella parte delle Iene dedicato alle sue condizioni di salute, aveva espresso l’intenzione di lasciare il nosocomio per partecipare alla trasmissione. Un segnale della forza emotiva e caratteriale di Nadia Toffa, che però non coincide ancora con un miglioramento così rapido delle sue condizioni di salute.

NADIA TOFFA, ULTIME NEWS SU CONDIZIONI DI SALUTE

La Iena sta meglio, è cosciente, ma dovrà affrontare ancora diversi test per capire cosa ha originato il malore che per alcune ore, per fortuna poche, ha fatto anche temere per la sua vita. Un’impressione fortunamente smentita dai primi esami effettuati all’ospedale di Trieste, dove Toffa era arrivata in codice rosso come raccontato da Nicola Savino ieri sera. Sul Corriere della Sera di oggi un articolo di Simona Ravizza spiega come stia Nadia Toffa, evidenziando come le notizie più negative sul possibile malore di sabato scorso siano state escluse.«La giornalista, tornata vigile e cosciente, continua a essere ricoverata in terapia intensiva, anche se le è stata messa a disposizione una stanza singola e defilata, prevista per i pazienti in fase di risveglio. Per lei sono ore di esami medici (tra cui la risonanza magnetica)… Il malore che la conduttrice ha avuto in una camera d’ albergo a Trieste non è da attribuire a ictus o aneurismi. La prognosi resta riservata, la protezione della privacy massima. L’ unico bollettino medico è stato quello dell’ ospedale di Cattinara di Trieste dove la giornalista è stata ricoverata immediatamente dopo il malore e dove è stato fatto riferimento a una patologia cerebrale in fase di definizione».

LEGGI ANCHE > LA BANDIERA DEL SECONDO REICH EVIDENZIA LA STUPIDITÀ DEI NEONAZISTI

Al momento l’articolo del Corriere della Sera firmato da Simona Ravizza rimarca come né il primario Luigi Beretta né il neurochirurgo e docente universitario Pietro Mortini si esprimano sulla evoluzione delle cure di Nadia Toffa.
Foto copertina: ANSA