pubblicità sessista
|

Donna, «grembiule» e «ferro da stiro»: bufera per la pubblicità sessista di Pandora

Pioggia di critiche per l’azienda produttrice di gioielli Pandora. Il marchio danese è finito al centro di una polemica per una pubblicità ritenuta sessista, perché descrive le donne utilizzando alcuni soliti stereotipi come «ferro da stiro», «pigiama» e «grembiule». Su cartelloni pubblicitari comparsi in tutta Italia, sul web in queste ore sono circolate foto scattate nelle stazioni della metro di Milano, si legge una domanda rivolta ai potenziali clienti: «Un ferro da stiro, un pigiama, un grembiule, un bracciale Pandora. Secondo te cosa la farebbe felice?».

PUBBLICITÀ SESSISTA DI PANDORA, LE CRITICHE SUI SOCIAL

Le reazioni non si sono fatte attendere. Su Twitter ad esempio tra i commentatori qualcuno parla di «becero maschilismo», di «pubblicità fatta di stereotipi». Tante donne hanno manifestato il loro disappunto. «Un ferro da stiro da lanciare a chiunque sia venuta in mente questa pubblicità e chi l’abbia approvata», ha scritto una ragazza. Un’altra: «Propongo di fare una colletta e regalare ferro da stiro e grembiule all’ideatore della pubblicità Pandora». E ancora: «Non ho mai acquistato pandora e mi auguro che le donne dopo questa offesa se ne guardino bene dall’acquistare».

PUBBLICITÀ SESSISTA DI PANDORA, LA RISPOSTA SU FACEBOOK

Non è mancata una risposta di Pandora. In un messaggio postato sulla pagina fan su Facebook l’azienda ha fatto sapere: «Abbiamo continuato a leggere i vostri commenti relativi alla campagna di affissione nella metropolitana di Milano e ci teniamo a condividere con voi il nostro punto di vista. La nostra intenzione era quella di strizzare l’occhio ad alcuni stereotipi che tutte noi conosciamo in maniera ironica e giocosa, assolutamente non offensiva, con il desiderio di regalarvi un sorriso. In realtà abbiamo visto che estrapolati dal loro contesto alcuni passaggi di questa comunicazione hanno generato interpretazioni opposte al nostro intento, quindi ci scusiamo con tutte coloro che si sono sentite toccate nella loro sensibilità». Scuse che non hanno convinto tutte. «Il dramma è che questi stereotipi a cui Pandora si riferisce esistevano forse 50 anni fa», è uno dei commenti più condivisi al messaggio.