Maurizio Costanzo difende Fausto Brizzi dalle accuse di molestie sessuali

di Redazione | 29/11/2017

Maurizio Costanzo

Maurizio Costanzo ha difeso Fausto Brizzi, il regista italiano accusato da diverse donne di essere l’Harvey Weinsten italiano per averle molestate sessualmente, in una intervista al Quotidiano Nazionale condotta da Marco Castoro. Costanzo è stato particolarmente severo con le attrici che si sono limitate a raccontare questi fatti senza denunciarli alle autorità competenti, rimarcando come gli sembri un modo per cercare visibilità.

Maurizio Costanzo difende Fausto Brizzi dalle accuse di molestie sessuali

«Molestie e avances ci sono sempre state. I divani dei produttori italiani si sono consumati per quante ne hanno viste… Mi rendo conto che una al momento del fatto si chieda ‘come faccio a denunciare una molestia se poi non lavoro più?’. Tuttavia questi casi che spuntano così all’improvviso, e dopo diversi anni, mi fanno venire il sospetto che qualcuna in cattiva fede l’abbia detto per mettersi in mostra». Maurizio Costanzo attacca la gogna mediatica che ha subito Fausto Brizzi, rimarcando come le trasmissioni TV hanno intervistato solo chi l’accusa, senza però una prova su molestie sessuali per cui non esistono querele in tribunale. «Su Brizzi non solo non c’è una prova, ma non esiste neanche una denuncia. Quindi non si può massacrare un artista bravo in questa maniera. Lo stanno descrivendo come un mostro. Tutto per colpa di alcune trasmissioni tv che hanno dato largo spazio alle accuse.

 

LEGGI ANCHE > SELVAGGIA LUCARELLI CONDANNATA PER DIFFAMAZIONE AGGRAVATA NEI CONFRONTI DI BARBARA D’URSO

Non si può condannare alla gogna un bravo regista senza una prova e fidandosi solo di chi accusa». Maurizio Costanzo spiega nell’intervista al QN come abbia sentito molte notizie su molestie sessuali e avances nei corridori della Rai, anche se non ha mai saputo  nessun fatto concreto, e rimarca di condividere l’appello di Nancy Brilli alle giovani attrice sull’andare ai provini sempre accompagnate dagli agenti. E non di non far provini a casa dei produtorri. La difesa di Costanzo  è stata seguita anche dal’intervento di Christian De Sica in favore di Fausto Brizzi, che ha negato l’accusa di molestie sessuali rimarcando come in alcuni casi si sia trattato di rapporti consenzienti.

 

Foto copertina: ANSA/GIUSEPPE LAMI