|

Milan, Gattuso show in conferenza stampa: «Li? Non l’ho sentito: non parla calabrese» | VIDEO

Il nuovo allenatore del Milan Gennaro Gattuso si è presentato in grande forma alla conferenza stampa di insediamento. L’ex centrocampista rossonero, che quest’anno ha già allenato la primavera del Milan, sta raccogliendo l’eredità di Vincenzo Montella, esonerato nel corso della giornata di ieri. Oltre a parlare dei prossimi obiettivi della società, ha avuto anche il tempo di fare qualche battuta – con la consueta genuinità -, facendo sorridere tutti i dirigenti e i giornalisti presenti a Milanello.

LEGGI ANCHE > Il Milan ha esonerato Vincenzo Montella

GATTUSO, LA BATTUTA SUL CALABRESE

In modo particolare, quando il cronista di Telelombardia gli chiede se avesse già parlato con il presidente cinese Li Yonghong, la risposta è degna di uno spettacolo di cabaret: «Non abbiamo ancora parlato – ha detto Gattuso – perché non parla l’inglese e non c’erano interpreti a disposizione per tradurre il cinese. Non parla inglese, non parla calabrese e quindi non ci siamo potuti sentire».

Inevitabili i sorrisi e i flash delle macchine fotografiche. Gattuso, come hanno sottolineato i dirigenti del Milan, non è una scelta tappabuchi. La società intende puntare forte su di lui e lui cercherà di rispondere al meglio alla chiamata. «Provo le stesse emozioni che provavo quando giocavo – ha detto Gattuso -, qui è il paradiso, quando vedo i campi di Milanello mi viene il mal di testa perché posso permettermi di scegliere quello che mi piace di più».

In più, ha detto di non voler fare la stessa fine di altri due calciatori del Milan che si sono seduti sulla panchina rossonera da allenatori, ovvero Clarence Seedorf e Pippo Inzaghi (che non hanno vissuto esperienze entusiasmanti). «Nessuno mi ha regalato il patentino da allenatore, me lo sono conquistato e ho le mie idee di calcio». Speriamo, però, che non usi troppo il dialetto calabrese per comunicarle ai suoi calciatori.