Totò Riina
|

Il manifesto funebre contro Totò Riina: «È morto, ne danno il lieto annuncio Falcone e Borsellino»

Nel giorno della morte di Totò Riina ad Ercolano, in provincia di Napoli, è spuntato un manifesto funebre contro il boss di Cosa Nostra. A dare l’annuncio della scomparsa del capo dei capi della mafia siciliana sono decine di vittime dell’organizzazione criminale. «È morto Salvatore Riina, di anni 87», si legge sul manifesto affisso in via IV Novembre.

ERCOLANO, MANIFESTO FUNEBRE CONTRO TOTÒ RIINA

E poi, subito dopo: «Ne danno il lieto annuncio Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Boris Giuliano, Claudio Traina, Emanuela Lori, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli e Eddie Walter Cosina, Piersanti Mattarella, Rocco Chinnici, Salvatore Borlotta, Emanuela Setti Carraro, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Ninni Cassarà, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Giuseppe Borsellino, Pino Puglisi, Beppe Alfano, Enzo Fragalà, Peppino Impastato e tutte le vittime della Mafia». Dal manifesto funebre contro Totò Riina ha preso le distante il sindaco Ciro Bonajuto, che ha dichiarato: «Non gioiamo per la morte di Riina perché noi non siamo come loro. Riina ha rappresentato il male assoluto in Italia, eppure la malavita organizzata non è stata ancora appieno sconfitta. L’attenzione deve rimanere alta nei confronti di tutte le irregolarità non soltanto da parte degli addetti ai lavori, ma dalla società civile fino alle Forze dell’ordine». «La notizia della morte di Riina – ha dichiarato invece Pasquale Del Prete, presidente dell’associazione antiracket per la legalità di Ercolano – non ci lascia indifferenti. Né gioia né tristezza, ma la consapevolezza che con la sua scomparsa la mafia ancora esiste e ancora persegue il disegno criminoso nella gestione di ogni attività illecita ed illegale». Ai lati del manifesto funebre, anonimo, vi sono le foto dei magistrati Falcone e Borsellino vittime delle stragi del ’92.

(Foto: manifesto funebre contro Totò Riina ad Ercolano)