montevarchi
|

Il convegno sui vaccini con solo no vax. Rivolta a Montevarchi. La sindaca: «Non partecipo»

C’è un piccolo caso in Toscana, precisamente a Montevarchi, cittadina in provincia di Arezzo. Un convegno sui vaccini con il patrocinio del comune ma la mancanza di contraddittorio.
Niente immunologo ma presenti medici omeopati e il presidente del Comitato per la Libertà Vaccinale, Cliva regionale. Davanti alla situazione prevista a Palazzo Varchi il sindaco, Silvia Chiassai Martini, ha annunciato che non parteciperà.

LEGGI ANCHE > LITE TRA GENITORI PER I VACCINI, LA ASL: «SENZA L’OK DEL PAPÀ NO VAX NESSUNA PUNTURA»

MONTEVARCHI LA SINDACA RINUNCIA ALL’INIZIATIVA

Del caso se ne è occupata Valdarno post. Secondo quanto riferisce la testata il Comune era preparato per un evento diverso, con un contraddittorio fra le due posizioni. «Avevo dato disponibilità a cittadini e genitori di favorire una conferenza informativa pubblica “pro e contro” i vaccini – spiega la sindaca a Valdarno – rimanendo comunque ferma sul fatto che i cittadini sono tenuti al rispetto delle leggi vigenti e su quanto disposto dal Ministero. Essendo un tema molto delicato, credo che favorire un dibattito in cui le parti potessero approfondire l’argomento per aiutare le coscienze, non sia mai un errore».
«Purtroppo, nell’organizzazione dell’evento, la Asl non ha dato il consenso a mandare un rappresentante della parte “pro-vaccini”, quindi si è verificato uno squilibrio rispetto alla richieste di un confronto democratico e alla pari. Pertanto, visto l’assenza delle condizioni in premessa, ritiro la mia presenza all’iniziativa in assenza di entrambe le posizioni», ha concluso Silvia Chiassai Martini.

Gli organizzatori del Comitato Cliva, in una nota, hanno precisato come l’obiettivo dell’evento sia quello «di creare un confronto costruttivo su più punti di vista». «Un’occasione – spiegano – per porre domande ad esperti competenti, equilibrati,senza incappare in discussioni incivili, violente o caratterizzate dalla mancanza di rispetto per le scelte altrui o dalla denigrazione delle capacità decisionali e genitoriali di chi vorrà esprimersi». Ma la controparte non c’è. E pesa.

(in copertina foto da valdarnopost.it)