Matteo Salvini prima denigra Fausto Brizzi, poi elogia la moglie che lo difende

di Redazione | 17/11/2017

Fausto Brizzi

Matteo Salvini è intervenuto sul caso relativo alle presunte molestie sessuali di Fausto Brizzi in modo davvero imbarazzante. Il leader della Lega Nord utilizza il suo profilo Facebook in modo quasi ossessivo, una sorta di testata personale aggiornata costantemente con post che esulano dal dibattito politico. Il successo di Salvini su Facebook è impressionante, per numero di fan ed engagement della sua pagina, ma colpiscono alcune scivolate come quella fatta su Fausto Brizzi.

MATTEO SALVINI PRIMA ATTACCA FAUSTO BRIZZI E POI ESALTA LA MOGLIE CLAUDIA ZANELLA CHE LO DIFENDE

Il servizio delle Iene sulle accuse di dieci attrici nei suoi confronti ha generato una enorme attenzione su Facebook, che ha generato la curiosità di Salvini e del suo social media manager. Ne è partito un attacco politico a Renzi, strumentalizzando la partecipazione di Fausto Brizzi alla Leopolda 2012. Sul profilo Facebook del leader leghista è stato condiviso il video di Brizzi alla kermesse di Renzi con queste parole:  «Avete presente il regista accusato di molestie da tante ragazze? Un super fan di Matteo Renzi, ospite fisso alla “Leopolda”. Ascoltatelo nel 2012.Innocente fino a prova contraria, auguri.».

LEGGI ANCHE > SELVAGGIA LUCARELLI CRITICA DINO GIARRUSSO E LE IENE PER LA GOGNA MEDIATICA CONTRO FAUSTO BRIZZI

Salvini attacca Brizzi come renziano, e ironizza su un principio cardine dello stato di diritto. Il colpevolismo del leader leghista cambia però con gli umori dei social media. La lettera della moglie di Fausto Brizzi è stata molto condivisa su Facebook, e Salvini si scopre garantista sul caso, con tanto di elogio per Claudia Zanella. Una bellissima lettera di una donna forte. Salvini condivide sul suo profilo Facebook la lettera, e detta queste parole di segno radicalmente opposto. «Una bellissima lettera di una donna forte. Io non so chi abbia ragione o torto ma queste parole mi hanno colpito.Io non so chi abbia ragione o torto ma queste parole mi hanno colpito».