sondaggio matrimoni gay in Australia
|

Storico risultato del sondaggio sui matrimoni gay in Australia: saranno legge entro Natale

Il sondaggio sui matrimoni gay in Australia ha dato un risultato incontrovertibile: oltre il 60% delle persone che hanno partecipato alla consultazione postale ha detto sì alle unioni dello stesso sesso. E a questo punto il Parlamento non può far altro che prendere atto della volontà popolare e riconoscerle anche per legge: il primo ministro conservatore Malcolm Turnbull ha promesso che la riforma sull’uguaglianza matrimoniale sarà approvata entro Natale.

GLI AUSTRALIANI VOGLIONO I MATRIMONI GAY, DOPO IL SONDAGGIO LA LEGGE ENTRO NATALE

A comunicare i risultati del sondaggio sui matrimoni gay in Australia è stato ieri il direttore dell’istituto nazionale di Statistica, David Kalisch, in una conferenza stampa a Canberra: 7.817.247 persone hanno votato sì, 4.873.987. Un risultato che  ha definito “inequivocabile e schiacciante” e che è tra l’altro altamente rappresentativo, dal momento che a esprimersi è stato il 79,5% degli aventi diritto. “Hanno votato sì all’uguaglianza, sì all’impegno, sì all’amore”, ha detto il primo ministro, aggiungendo che “ora è tempo che il Parlamento vada avanti in questa direzione e porti a termine il lavoro che il popolo australiano gli ha chiesto di fare”.

La determinazione di Turnbull dopo i risultati schiaccianti del sondaggio sui matrimoni gay in Australia dovrà comunque misurarsi con l’opposizione di parte dei deputati conservatori della maggioranza. Alcuni di questi sono gli stessi che nel 2004 hanno votato in favore di un emendamento alla legge sul matrimonio, voluto dall’allora primo ministro conservatore John Howard, che rendeva esplicitamente illegali le unioni tra lo stesso sesso.

RISULTATO STRAORDINARIO PER IL SONDAGGIO SUI MATRIMONI GAY IN AUSTRALIA: “UNA VITTORIA SCHIACCIANTE DELL’AMORE”

Festeggia invece il leader dei laburisti, Bill Shorten: “Che giornata favolosa per essere un australiano”, ha detto commentando il risultato del sondaggio sui matrimoni gay. “Oggi facciamo festa, domani la legge”, ha poi aggiunto. Stessi toni per il portavoce della Equality Campaign Alex Greenwich: “Oggi l’amore ha avuto una vittoria schiacciante”, ha detto. “Insieme abbiamo raggiunto un risultato notevole, una vittoria per l’equità e l’uguaglianza, non solo per la comunità LGBT e per le nostre famiglie, ma per tutti gli australiani”.

Foto copertina: dalla pagina Facebook di Alex Greenwich