«Pronto, Rosy Abate? Se vengo lì ti ammazzo». L’incredibile gaffe del numero di telefono nella fiction Mediaset

di Redazione | 13/11/2017

Rosy Abate gaffe numero

Una notte insonne, dopo la prima puntata della fiction Mediaset Rosy Abate. È quello che è capitato a una coppia di Domodossola (30 e 38 anni), non certo a causa degli incubi scatenati da alcune scene thriller presenti nello sceneggiato. È stata tutta colpa di un «pizzino» su cui era scritto un numero di telefono (nella finzione collegato a un uomo della criminalità organizzata), inquadrato a un certo punto della puntata. Da quel momento in poi, la linea della coppia di Domodossola è stata intasata dalle chiamate.

LEGGI ANCHE > La gaffe di Di Maio sugli incontri con i suoi ‘alter ego’ di altri paesi | VIDEO

ROSY ABATE GAFFE NUMERO: ECCO COSA È SUCCESSO

Il numero telefonico – a quanto pare – era reale e corrispondeva a un’utenza attiva nella cittadina piemontese da 13 anni e non, ovviamente, al cellulare di un mafioso. «Quel numero esiste ed è di mio marito – ha spiegato la donna al quotidiano La Stampa -. Da ieri sera persone sconosciute ci stanno tempestando di telefonate, fino alle 4 di notte e di nuovo stamattina, per chiederci se siamo parenti di Rosy Abate, qualcuno ci dà dei mafiosi e c’è chi ci ha perfino minacciato».

È stata proprio la donna, infatti, a rispondere alle chiamate al cellulare, pensando in un primo momento a uno scherzo di pessimo gusto. Quando però le telefonate si sono fatte più intense si è insospettita. Una doccia fredda per la coppia, che – non avendo visto la puntata – non poteva sapere che quel numero di cellulare fosse finito nel copione della fiction Rosy Abate.

Al netto della gaffe della produzione della serie tv andata in onda ieri sera, comunque, resta l’amara constatazione di un pubblico televisivo che non riesce più a separare la finzione dalla realtà: «Come puoi pensare che un numero dato in tv in una fiction corrisponda a qualcuno di reale, e pensare di chiamare davvero quel qualcuno, per insultarlo e dirgli che è un mafioso?». La donna ha raccontato di aver ricevuto addirittura delle minacce di morte da parte di chi credeva che quel numero fosse realmente collegato a Rosy Abate. Qualcun altro, invece, pensava che il numero fosse collegabile a un produttore Mediaset, tanto da chiedere raccomandazioni per eventuali provini.

ROSY ABATE GAFFE NUMERO: LA COPPIA MINACCIA DENUNCIA

La storia, tuttavia, non verrà derubricata a semplice gaffe: «Aspetto che mio marito torni dalla Svizzera (dove si è recato questa mattina per motivi di lavoro, ndr) e andiamo dalle forze dell’ordine. Non è possibile che una produzione tv non controlli se i numeri sono veri. La nostra privacy è stata violata».

 

TAG: Rosy Abate