Un terremoto tra Iran e Iraq uccide più di 200 persone

di Andrea Mollica | 13/11/2017

Terremoto Iran Iraq

Un terremoto avvertito in tutto il Medio Oriente ha provocato centinaia di morti tra l’Iran e l‘Iraq. L’epicentro del sisma è stato rilevato a Penjwin nella provincia di Sulaimaniyah, territorio del Kurdistan iracheno vicino alla frontiera con l’Iran. Diversi villaggi iraniani sono stati devastati dal sisma, e il bilancio delle vittime è già drammatico. Si stimano più di duecento morti, un conto che sembra destinato a salire con il passare delle ore.

TERREMOTO IRAN IRAQ, CENTINAIA DI MORTI

 

In Iraq invece il terremoto ha provocato finora sei morti. Il numero dei feriti è altresì impressionante, quasi 2 mila persone. Si teme un bilancio piu’ pesante, ma i soccorsi sono ostacolati dalle frane.Secondo l’istituto sismologico statunitense, il terremoto ha avuto una magnitudine di 7,3 gradi, mentre un funzionario iracheno ha parlato di una magnitudo di 6,5 gradi con epicentro a Penjwin nella provincia di Sulaimaniyah, nella regione de Kurdistan vicino alla frontiera principale con l’Iran. Il sisma è stato registrato a 23,2 km sotto la superficie. La bassa profondità dell’epicentro appare la principale causa dell’impatto così devastante del terremoto. In Iran, le città più colpite sembrano essere quelle di Qasr-e Shirin, alla frontiera con l’Iraq, nella provincia di Kermanshah, e Azgaleh, circa 40km a nord-ovest.

LEGGI ANCHE > LA GAFFE DI DI MAIO SUGLI INCONTRI CON I SUOI «ALTER EGO» DI ALTRI PAESI | VIDEO

TERREMOTO IRAN IRAQ, MASSIMA MOBILITAZIONE PER SOCCORRERE I FERITI INTRAPPOLATI NELLE MACERIE

I soccorsi sono rallentati dalle frane cadute sulle strade che rendono molto più difficili i collegamenti delle zone colpite dal sisma col resto dell’Iran. Le massime autorità di Teheran si sono mobilitate per rispondere celermente e in modo il più possibile efficace a quella che appare come una tragedia di enormi proporzioni. L’ayatollah Khameini, la guida suprema religiosa dell’Iran, ha mobilitato tutte le forze di sicurezza per estrarre le persone e soccorrere i feriti dal sisma. L’auspicio è che un rapido intervento possa salvare molte persone ancora intrappolate sotto le macerie, visto che il terremoto tra Iran e Iraq ha distrutto migliaia di edifici, come riferisce Reuters.

Foto copertina: Raizer Zangana/Xinhua via ZUMA Wire