ius soli
|

Gentiloni e la dura lotta contro scorpioni e scarafaggi a Palazzo Chigi

Scorpioni, scarafaggi e insetti volanti. C’è stata una vera e propria lotta contro gli odiosi animaletti a Palazzo Chigi. Lo racconta un pezzo a firma di Franco Bechis su Libero con tanto di costi di disinfestazione nei vari reparti. E, come spiega Bechis, hanno dovuto chiamare l’unica che poteva risolvere la questione: la ditta di Alfredo Romeo, l’imprenditore finito sotto la bufera per il caso Consip. La Romeo Gestioni ha infatti un contratto con Palazzo Chigi ed è molto esperta nel cacciare ospiti indesiderati.

Gli scarafaggi o blatte che dir si voglia avevano invaso niente meno che l’appartamento presidenziale a disposizione di Gentiloni, dove a lungo visse il suo predecessore Matteo Renzi

LEGGI ANCHE > RENZI PER ATTACCARE DI MAIO USA IL RICOVERO DELLA BAMBINA NON VACCINATA CHE IL PAPÀ AVEVA CHIESTO DI «NON STRUMENTALIZZARE

Guai ad accogliere delegazioni estere con i Beatles dei noatri. Il problema, spiega Bechis, è stato risolto con un micidiale gel al modico prezzo di 90,41 euro (iva compresa eh). Ma c’è chi ha dovuto spendere di più: forse perché l’invasione blatte era più pesante.

Ben altra invasione di blatte deve esserci stata nella stanza della segretaria del ministro della Funzione Pubblica, Marianna Madia, nella sede distaccata della presidenza del Consiglio a palazzo Vidoni, perché in questo caso la spesa è stata quasi il quadruplo: 337, 91 euro per sterminarle con il solito gel

Gli scorpioni invece, spiega Bechis, hanno invaso le stanze del sottosegretario agli Affari regionali, Bressa. In quel caso, riporta il pezzo su Libero, sono intervenuti con un veleno da 907,40 euro. Una serie di successi per i Romeo Boys. Ora anche dal Cnel chiedono il loro soccorso.

(in copertina foto Ansa/Daniel Dal Zennaro)