L’M5S inizia a parlare di brogli alle elezioni in Sicilia, ipotesi riconteggio dei voti

di Redazione | 06/11/2017

brogli elezioni in Sicilia

Il primo a parlare al Comitato di Giancarlo Cancelleri, a Caltanisetta, è il deputato grillino Manlio di Stefano, che accenna a possibili brogli alle elezioni in Sicilia e tratteggia l’ipotesi di una richiesta di riconteggio dei voti. «Purtroppo queste elezioni potrebbero essere ricordate come quelle degli impresentabili, lo scarto dei voti reali al momento è di circa 20mila voti, guarda caso i voti che potrebbe portare Francantonio Genovese (padre di Luigi, candidato della coalizione di Musumeci, ndr). Siamo preoccupati dal fatto che questo voto possa essere ricordato come quello dei grandi brogli», ha detto ai giornalisti l’esponente del Movimento 5 Stelle, parlando di «condizionamento di certi apparati di potere su queste elezioni».

SEGUI > I RISULTATI DELLE ELEZIONI REGIONALI IN SICILIA: MUSUMECI VERSO LA VITTORIA | LIVE

MANLIO DI STEFANO (M5S) PARLA DI BROGLI NELLE ELEZIONI IN SICILIA E NON ESCLUDE LA RICHIESTA DI RICONTEGGIO DEI VOTI

Ai giornalisti, Manlio di Stefano paventa anche l’ipotesi di una richiesta di riconteggio dei voti:  «Bisognerà prima vedere quanto sarà lo scarto di voti tra Musumeci e Cancelleri, dopodiché bisognerà valutare. È una decisione che dovrà prendere Cancelleri, ma il riconteggio è una delle opzioni che ci sono».

L’M5S PARLA DI BROGLI NELLE ELEZIONI IN SICILIA: «AVEVAMO RAGIONE A CHIEDERE GLI OSSERVATORI DELL’OSCE»

Il deputato del Movimento 5 Stelle torna anche sulla questione degli osservatori dell’Osce: «Avevamo ragione, prima del voto, a chiedere gli osservatori dell’Osce. Quanto accaduto a Catania dimostra che le nostre richieste erano fondate», rivendica con i giornalisti, riferendosi all’episodio dei 100 presidenti di seggio che si sono ritirati, sostiene lui «per le pressioni ricevute». Pare in realtà che il motivo fosse che il rimborso spese che gli sarebbe spettato era troppo basso.

LEGGI ANCHE > PERCHÉ A CATANIA SI SONO DIMESSI 100 PRESIDENTI DI SEGGIO SU 330

Nonostante l’accusa di brogli alle elezioni in Sicilia, Manlio di Stefano si dice molto soddisfatto del risultato del Movimento 5 Stelle: «È un risultato storico quello di oggi del Movimento 5 stelle. Abbiamo raddoppiato i consensi rispetto al 2012 e soprattutto con un’unica lista senza impresentabili, un programma chiaro e preciso che abbiamo raccontato ai siciliani. È un successo mai visto da queste parti», ha commentato il deputato grillino, dicendosi ottimista anche per le prossime elezioni politiche: «Qualunque legge elettorale faranno e hanno già fatto con il Rosatellum, qualunque mega accozzaglia i politicanti vorranno mettere insieme, il popolo siciliano e quello italiano sapranno rispondere dando fiducia ad un progetto onesto quale è quello dei 5 Stelle».

Foto copertina: ANSA / CIRO FUSCO