Ikea ricomprerà i mobili usati
|

In Svizzera Ikea ricomprerà i mobili usati con buoni d’acquisto

Dal 2018 in Svizzerà Ikea ricomprerà i mobili usati. Rigorosamente acquistati dal marchio svedese, però, s’intende. Così cambia arredamento o semplicemente non sa più dove mettere tavolini lack e librerie billy, potrà riportarli al negozio, per rivenderli. Ikea però pagherà solo con buon d’acquisto, fino al 60% del valore iniziale.

Chi pensa di potersi sbarazzare di tutte le sedie, seggioline e scrivanie accumulate negli anni, però, deve fare attenzione: Ikea ricomprerà i mobili usati, ma solo se in buone condizioni. Sì perché l’intenzione del colosso dell’arredamento è rivenderli poi in un’area apposita del negozio, ovviamente a un prezzo più basso rispetto ai nuovi acquisti.

IKEA RICOMPRERÀ I MOBILI USATI PER RIVENDERLI IN NEGOZIO, IL PROGETTO PILOTA IN SVIZZERA

Ad annunciare la novità è stato il portavoce dell’azienda Manuel Rotzinger, che ha presentato l’iniziativa al quotidiano elvetico NZZ am Sonntag, come riporta la Stampa. Per il momento si tratta solo di un progetto pilota nel negozio di Spreitenbach, a nord ovest di Zurigo. Ikea ricomprerà i mobili usati a partire da gennaio 2018 e per la durata di tre mesi. Finito il periodo di prova, se l’esperimento sarà andato per il meglio, è possibile che il servizio venga esteso anche altrove.

Tutti i mobili rivenduti ad Ikea devono essere interamente assemblati, sicuri per l’utilizzo e in buono stato. A seconda poi dello condizioni in cui si presentano, in negozio verrà valutato il valore di riacquisto, che può andare fino al 60% del prezzo iniziale.

TAG: Ikea