Di Battista proposto per un confronto a distanza con Renzi dopo la rinuncia di Di Maio

di Redazione | 06/11/2017

Di Battista

Secondo le principali agenzie italiane Alessandro Di Battista potrebbe sostituire Luigi Di Maio nel confronto TV programmato per domani sera con Matteo Renzi su Dimartedì su La7. Nella trasmissione di Giovanni Floris era inzialmente previsto il duello tra il candidato premier del M5S Di Maio e il segretario del PD, e candidato anch’egli alla presidenza del Consiglio, o capo politico come da definizione più corretta indicata dalla legge elettorale. Il vicepresidente della Camera ha però spiegato, in un lungo posto, che non intendeva più confrontarsi con il leader PD visto che i risultati delle regionali siciliane rendevano ormai superato il suo ruolo. Una scusa piuttosto contorta, per motivare una rinuncia rispetto a una sfida proposta dallo stesso Di Maio, che ha portato l’ufficio comunicazione del M5S a una nuova proposta.

DI BATTISTA PROPOSTO AL POSTO DI DI MAIO NEL CONFRONTO CON RENZI

Tutte le fonti concordano su come il team guidato da Rocco Casalino abbia indicato un’altra soluzione: un confronto con Renzi confermato, ma modificato. Non più un duello diretto, ma le stesse domande poste da Giovanni Floris, in due momenti separati, al segretario del PD e a un altro esponente del M5S, Alessandro Di Battista. Matteo Renzi ha confermato invece su Twitter che domani andrà a Dimartedì, ospite di Giovanni Floris, e su Twitter non ha lesinato un attacco a Di Maio, rimarcando come chi si propone come leader non debba fuggire.

LEGGI ANCHE > I RISULTATI DELLE ELEZIONI REGIONALI IN SICILIA, DATI REALI: MUSUMECI AVANTI SUL M5S | DIRETTA

«Di Maio: hai scelto la data, la TV, il conduttore. E adesso scappi? Un #leader non fugge. Ci vediamo domani da Floris a La7, ore 21.30». Al momento non arrivano conferme ufficiali alle indiscrezioni, concordanti, sulla presenza di Di Battista al confronto TV. Sui profili social del deputato, sugli account Facebook o Twitter del M5S oppure sul blog di Beppe Grillo non è arrivata ancora nessuna indicazione dopo la rinuncia di Di Maio.

Foto copertina: ANSA