doggy bag
|

Doggy bag per gli avanzi, mille ristoranti aderiscono alla lotta allo spreco

Negli Stati Uniti quella del doggy bag, la borsa o il contenitore per il cibo avanzato, è una vecchia tradizione. Ora riceve nuovo impulso in Italia. La Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Fipe, e il Consorzio per il Recupero e Riciclo degli Imballaggi a Base Cellulosica, Comieco, hanno lanciato un progetto a livello nazionale, chiamato ‘Doggy bag se avanzo mangiatemi’, per mettere a disposizione dei ristoranti italiani eco-contenitori di design e made in Italy per dare ai clienti l’opportunità di portare a casa quelli che a tavola non è stato consumato.

DOGGY BAG, LA BORSA PER GLI AVANZI IN MILLE RISTORANTI ITALIANI

Ne ha parlato l’Adnkronos a fine ottobre. L’obiettivo del progetto, nato  nell’anno di Expo 2015, è quello di sdoganare l’utilizzo della borsa per gli avanzi limitando le 185mila tonnellate di spreco alimentare all’anno dei locali italiani. In una prima fase è prevista l’adesione al progetto di circa mille ristoranti. Ma per Fipe e Comieco il numero è destinato a crescere considerando l’ampio bacino di circa 104mila ristoranti con servizio. È possibile dunque anche una distribuzione capillare sul territorio delle doggy bag. Secondo i dati dell’Ufficio Studi Fipe in Italia solo il 6,8% dei circa 8mila comuni non è dotato di un ristorante. La partnership tra Fipe e Comieco è stata presentata ufficialmente alla presenza della deputata del Partito Democratico Maria Chiara Gadda, membro della Commissione Ambiente della Camera e relatrice della legge 166 del 2016 sulla limitazione degli sprechi alimentari.

 

LEGGI ANCHE > Servizi di cremazione e cerimonie d’addio: il successo delle pompe funebri per animali

 

«La norma antisprechi – ha affermato Gadda – sta contribuendo ad accrescere la sensibilità dei cittadini verso il cibo e il suo utilizzo consapevole specie nella prevenzione e nel recupero delle eccedenze. Le nostre scelte quotidiane di acquisto e di consumo degli alimenti sono importanti generare eccedenze può contribuire allo spreco oppure creare nuove opportunità che con la legge 166 vengono sostenute e valorizzate attraverso la filiera del dono finalizzato alla solidarietà sociale». La borsa per gli avanzi «può avere un ruolo strategico per vincere questa sfida dal punto di vista culturale e accompagna il cittadino in nuovo percorso di consapevolezza allungando la vita di un prodotto altrimenti destinato a finire nella spazzatura. Comieco ha realizzato un contenitore funzionale e accattivante che grazie a Fipe e al progetto ‘Doggy bag se avanzo mangiatemi’ sarà veicolato nei ristoranti raggiungendo tanti cittadini e famiglie per dare un nuovo valore del cibo».

(Foto di doggy bag da sito Fipe)