crocifisso
|

Nel film porno spunta il crocifisso: attrice hard e troupe multati per 15mila euro

Un’attrice hard e una troupe vengono scoperti durante le riprese di un film porno in aperta campagna. E multati per 15mila euro per atti osceni in luogo pubblico. È quanto accaduto sabato scorso a Calderara di Reno, un comune in provincia di Bologna. I protagonisti della vicenda sono l’attrice pornografica professionista Valery Vita, 28 anni, il suo fidanzato e regista Patrick B., in arte ‘Trip Conte’, attore pornografico e fachiro, e un operatore video di 26 anni.

FILM HARD CON IL CROCIFISSO, ATTRICE E TROUPE MULTATI PER ATTI OSCENI

I carabinieri hanno elevato loro contravvenzioni per 5mila euro a testa, per atti osceni (reato recentemente depenalizzato), dopo la segnalazione di alcuni residenti. Ne parla oggi il quotidiano Il Resto del Carlino in un articolo a firma Pier Luigi Trombetta. La giovane attrice è comparsa in abito succinto da suora per girare in un campo aperto una scena blasfema: la ragazza si è abbassata per fare pipì su un crocifisso sotto gli occhi di alcuni cittadini che, prima incuriositi e poi preoccupati, hanno formato un gruppetto poco distante. Sono rimasti sbigottiti:

Alcuni residenti prendono a loro volta il telefono e scattano foto di quello che vedono, mentre altri avvisano i carabinieri della locale stazione, informandoli di quanto stava accadendo sotto i loro occhi. Ai militari dell’Arma, subito intervenuti interrompendo le riprese e chiedendo spiegazioni, i cittadini consegnano anche il materiale intanto prodotto. Tutta la vicenda, comunque, viene confermata senza reticenze da attrice, regista e operatore: una volta accertati i fatti, per i tre è arrivata la sanzione.

La notizia degli atti blasfemi commessi dall’attrice hard vestita da sexy suora è stata commentata anche dal parroco di Calderara, don Marco Bonfiglioli. Il Resto del Carlino riporta:

«Mi dispiace tantissimo per quanto accaduto. Dispiace a me personalmente ovviamente per l’abito che indosso, per quello che rappresento: la Chiesa. Ma soprattutto mi dispiace davvero per questa giovane donna».

E ancora:

«Non ho molto da dire su quanto successo. Ma ribadisco che il sentimento che si prova, in casi del genere, è il dispiacere. Un profondo dispiacere per questa giovane donna».

(Foto: un’immagine Dpa da archivio Ansa. Credit: Andreas Arnold / dpa)