Non si placano gli incendi in Valsusa, ma per La Stampa la notizia non è da prima pagina

di Redazione | 26/10/2017

incendi in Valsusa

Non si placano gli incendi in Valsusa, dove le fiamme ardono ettari di boschi ormai da cinque giorni. Nonostante al lavoro ci siano centinaia di uomini, tra vigili del fuoco e volontari, i roghi continuano a bruciare. Il fumo complica l’intervento di elicotteri e Canadair e il vento che si sta alzando rende più grave l’emergenza. Sono centinaia gli ettari di abeti e pini andati in fiamme, decine le persone evacuate e ieri c’è stata anche una vittima: Alberto Arbrile, 26 anni, di Cantalupa, morto d’infarto mentre tagliava alcuni alberi in un terreno di sua proprietà, per evitare che alimentassero il fuoco.

LEGGI ANCHE > LA VAL SUSA BRUCIA (MA A NESSUNO IMPORTA)

E di tutto questo sui giornali e in televisione si è letto e visto molto poco: è quanto da giorni lamenta il collettivo Wu Ming, che sta cercando di dare copertura al disastro degli incendi in Valsusa attraverso Twitter.

LA POLEMICA DI WU MING CONTRO LA STAMPA PER GLI INCENDI IN VALSUSA

La polemica di Wu Ming si è concentrata soprattutto contro La Stampa, il quotidiano che ha sede a Torino, che ha scelto da giorni di non dedicare neanche un richiamo in prima pagina agli incendi in Valsusa.

Anna Masera, la Garante dei lettori e degli utenti web del quotidiano ha risposto piccata a un tweet del collettivo: “Da come twitta su Valsusa mi sembra un tantino fazioso (troll?), ho risposto cercando di dare informazioni”, ha cinguettato la giornalista, che è molto attiva sui social network. Un tweet ripreso da La Stampa: “Gli unici tweet in cui si nomina la Valsusa sono quelli di Anna Masera contro di noi”, osservano da Wu Ming, soddisfatti comunque che la loro polemica abbia contribuito a dare visibilità a quanto sta accadendo nel torinese.

COME AIUTARE CHI STA COMBATTENDO GLI INCENDI IN VALSUSA

Il collettivo invita tutti a fare donazioni in favore di chi sta combattendo contro gli incendi in Valsusa