post Barillari
|

Il M5S Barillari e l’assurdo tweet su Anne Frank come distrazione di massa per il Rosatellum

Davide Barillari, consigliere regionale del M5s in Lazio ha twittato in modo controverso sul caso Anne Frank. Dopo che sono state scoperte foto adesive della ragazza ebrea uccisa nel campo di sterminio nazista di Bergen-Belsen con la maglietta della Roma, utilizzate da alcuni tifosi della Lazio per denigrare la squadra avversaria, è scoppiato un rilevante caso mediatico. “Una battuta sicuramente poco felice. Come ho gia’ detto la foto di Anna Frank con la maglia della Roma è un gesto ignobile”, ha dichiarato Roberta Lombardi, candidata regionale M5S per la regione Lazio, all’Ansa.

Davide Barillari

IL TWEET DI DAVIDE BARILLARI SU ANNE FRANK

Per Davide Barillari la polemica su Anne Frank è sostanzialmente una distrazione di massa, utilizzata dai media per oscurare l’approvazione della legge elettorale, il cosiddetto Rosattellum, sostenuto da forze di governo, Lega Nord e Forza Italia, ma avversato in modo radicale da M5S e sinistra. «Mentre ci distraggono con #AnnaFrank, in Senato oggi votano la porcata antidemocratica #Rosatellum. Appuntam al Pantheon dalle 14», ha twittato il capogruppo 5 Stelle in Lazio, che poi ha rafforzato il suo pensiero in altri tweet inviati come risposta a chi contestatava una affermazione piuttosto controversa. «Non ho detto questo. Ho sottolineato il fatto che c’è un attacco alla democrazia ed alla costituzione, ma pochissimi ne parlano. Come mai?io difenderò sempre i valori dell’antifascismo. Ma si guarda solo al passato, quando ci si dovrebbe scandalizzare per il fascismo di OGGI», ha ribadito Barillari, che però confonde davvero le mele con le pere.

LEGGI ANCHE >SINISA MIHAJLOVIC INCREDIBILE SU ANNE FRANK: «NON SO CHI SIA, MAI SENTITA»

 

Si può anche pensare che ci sia una eccessiva enfatizzazione dei media sul caso Anne Frank, ma non è accettabile neppure minimizzarlo, o affermare che l’indignazione per un caso di antisemitismo così grave sia orchestrata per oscurare il dibattito sulla legge elettorale. Da parte dei presidenti di calcio che corteggiano le curve c’è molta ipocrisia in merito a un problema razzista presente da molto tempo negli stadi italiani, ma per un politico il contrasto a queste folli e violente idee dovrebbe esser sempre prioritario. Barillari invece sembra più preoccupato per un flop delle manifestazioni dei 5 Stelle contro la legge elettorale rispetto al problema razzismo in Italia.