case farmaceutiche
|

Decathlon ha venduto (senza saperlo) anabolizzanti

La Guardia di finanza di Torino ha sequestrato anabolizzanti venduti come integratori alimentari. Le confezioni, secondo quanto riporta Repubblica, erano vendute anche in alcuni store di Decathlon. L’azienda però non era al corrente della sostanza venduta. Le pasticche erano prodotte in Germania e importate, in Italia, dalla Spagna.

Come mai Decathlon era all’oscuro di tutto? Semplice sulle confezioni non appariva nessun riferimento agli steroidi ma dalle analisi effettuate dal laboratorio chimico dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è emersa la presenza delle sostanze incriminate.

LEGGI ANCHE > COME TI CAMBIANO 100 GIORNI DI PALESTRA IN TRE MINUTI

Gli steroidi anabolizzanti sono proibiti dalla commissione medica del Comitato Olimpico Internazionale e sono inclusi nella lista delle sostanze vietate dalla Wada, l’Agenzia che coordina la lotta contro il doping nello sport.
Le indagini delle fiamme gialle torinesi hanno accertato che chi produceva non erano laboratori clandestini ma aziende strutturate all’estero con reti di distribuzione su tutto il territorio nazionale. Decathlon è estranea ed esclusa da tale inchiesta. Le aziende che però hanno prodotto le sostanze in Spagna dovranno rispondere di commercio di sostanze alimentari nocive, frode nell’esercizio del Commercio, falsa indicazione di origine, ricettazione nonché di produzione e commercio di sostanze dopanti e steroidee. I prodotti incriminati sono stati ritirati dal mercato.

(in copertina foto di repertorio ANSA/GIORGIO BENVENUTI)