Consigliere Vibonati
|

Il consigliere comunale che (a sua insaputa) ha invitato la Boschi a fare p*****i

Di commenti sessisti ne abbiamo visti tanti. Di scuse assurde come questa, invece, mai. Un consigliere comunale di Vibonati (in provincia di Salerno) ha rivolto un insulto sessista al sottosegretario Maria Elena Boschi. In risposta al post che l’esponente di spicco del Partito Democratico aveva scritto ieri sulla vicenda di Banca Italia (proprio quello in cui invitava il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio a un confronto pubblico sul tema dei correntisti), il consigliere Vincenzo Orlando si è lasciato andare a un commento davvero poco lusinghiero: «Bugiardona, vai a fare i p*****i, W il Movimento».

LEGGI ANCHE > Il titolo sessista di Libero sulla Mogherini che perde il Nobel

CONSIGLIERE VIBONATI, LA STORIA DEL COMMENTO SESSISTA

Ovviamente, il commento non è passato inosservato. Non si tratta, infatti, di una «semplice» offesa rivolta alla Boschi da uno dei suoi tanti haters (che, comunque, restano sempre da condannare): a scrivere, infatti, è una persona che – in quanto consigliere di maggioranza del suo comune – riveste un ruolo istituzionale. La denuncia è stata lanciata dal gruppo Facebook Voci Libere, legato alla lista civica che, nel corso della campagna elettorale del 2016, ha fatto da contraltare all’attuale amministrazione comunale.

«Si possono avere opinioni contrastanti – si legge nel post di denuncia su Facebook – ma ciò non deve in nessun modo degenerare in commenti sessisti e che poco hanno a che vedere con il principio di etica politica». Immediata la risposta del consigliere comunale Vincenzo Orlando che, un paio d’ore fa, sempre dal suo account Facebook, ha cercato di ovviare alla gaffe.

CONSIGLIERE VIBONATI, LE SCUSE E LA NUOVA GAFFE

Una richiesta di scuse che, però, si è trasformato in un vero e proprio boomerang. L’esponente della maggioranza in consiglio comunale, infatti, ha affermato che il commento non è stato scritto di suo pugno ma (citiamo testualmente) «da qualcuno dei miei amici non totalmente lucido: impossessandosi del mio telefono, a mia insaputa, ha scritto dei giudizi sgradevoli nei confronti del sottosegretario; giudizi dai quali mi dissocio e dai quali mi ritengo totalmente estraneo, che non fanno parte del mio modo di essere e di pensare». Il tutto, sempre secondo la versione del consigliere comunale, dopo una cena tra amici «in cui si è esagerato con i festeggiamenti». Una toppa peggiore del buco.

(FOTO da pagina Facebook Voci Libere – Vibonati Villamare)