L’incontro tra la Boldrini e Trudeau: i complimenti del premier canadese per l’impegno contro le fake news

di Redazione | 23/10/2017

Boldrini e Trudeau

La Presidente della Camera Laura Boldrini è in visita in Canada e oggi ha incontrato il premier Trudeau. Nel colloquio si è parlato dei rapporti commerciali internazionali, anche in riferimento ai trattati Ceta e Nafta.

Trudeau ha inoltre espresso a Laura Boldrini apprezzamento per il suo impegno per contrastare le fake news: la settimana prossima la Presidente darà il via, insieme alla Ministra Fedeli, a un progetto di educazione digitale per gli studenti che nei giorni scorsi ha suscitato anche l’attenzione del New York Times.

LEGGI ANCHE > E TU CREDI ALLE BUFALE? | TEST

La Boldrini ha espresso a sua volta apprezzamento a Trudeau per la sua politica di riconciliazione con le popolazioni indiane native del Paese, le cosiddette “First Nations”. Proprio ieri la Presidente aveva visitato a Kahnawake, in Quebec, la riserva degli indiani Mohawk.

La Boldrini e Trudeau si erano già a Montecitorio nel maggio scorso, quando il premier canadese aveva tenuto la conferenza dal titolo “Il progresso in un mondo che cambia”. Accompagnato dalla presidente aveva anche visitato e apprezzato la Sala delle Donne allestita alla Camera e dedicata alle rappresentanti femminili nella storia della Repubblica.

Boldrini e Trudeau

LA VISITA DELLA BOLDRINI IN CANADA

Prima dello scambio con Trudeau la Boldrini è stata a colloquio con il suo omologo Geoff Regan, Speaker della Camera dei Comuni. Tra i temi affrontati, la ripresa in corso dell’economia italiana e la nuova fase delle relazioni tra Canada e Usa dopo l’arrivo del Presidente Trump alla Casa Bianca.

La mattinata istituzionale della Presidente Boldrini era cominciata incontrando Ahmed Hussen, Ministro canadese dell’Immigrazione, dei Rifugiati e della cittadinanza. La sua biografia è emblematica delle politiche di integrazione del paese nordamericano: nato e cresciuto in Somalia, è arrivato a 17 anni in Canada, dove si è laureato in legge all’università di Ottawa. Nel 2015 è entrato alla Camera dei Comuni nelle fila del Partito liberale. Al centro del suo colloquio con la Presidente della Camera le politiche canadesi di reinsediamento e integrazione, alle quali vengono destinati 900 milioni di dollari. Arrivi che l’opinione pubblica vede con favore, perché ne deriva la creazione di posti di lavoro anche per molti canadesi.

Nel pomeriggio (corrispondente alla tarda serata italiana) la Presidente della Camera incontrerà anche la Ministra dell’Ambiente e dei cambiamenti climatici, Catherine McKenna.