Pina Picierno non crede nell’esistenza del Molise

di Gianmichele Laino | 20/10/2017

Pina Picierno Termoli

Doveva essere l’abbraccio del Partito Democratico all’Italia, ma alcune scivolate sanno proprio di epic fail. Stavolta è Pina Picierno, l’eurodeputata dem, a cadere nel più classico degli errori sulla geografia italiana. Ieri, nell’annunciare la tratta che da Pescara avrebbe portato il convoglio griffato PD a Termoli, la Picierno ha lanciato un tweet che in tanti hanno notato.

LEGGI ANCHE > Elezioni politiche 2018, candidati, sondaggi, come e quando si vota

PINA PICIERNO TERMOLI, LA GAFFE SU TWITTER

«Oggi sono in Abruzzo, sul Treno di #DestinazioneItalia. Faremo tappa a Pescara, San Salvo e Termoli. Amici abruzzesi, vediamoci». Ci sono rimasti male i molisani, invece. Termoli, infatti, si trova in provincia di Campobasso. Con buona pace di qualsiasi sussidiario.

La gaffe – che, come si diceva, in verità è piuttosto comune – assume una sfumatura più preoccupante se si considera che gli esponenti del Partito Democratico hanno messo in piedi la campagna «Destinazione Italia» proprio per avvicinarsi al Paese reale, per evitare lo scollamento tra questi territori e i palazzi romani. Invece, in questi primi giorni, l’unico scollamento che emerge è proprio quello con la realtà dei fatti.

PINA PICIERNO TERMOLI, I COMMENTI DEGLI UTENTI DI TWITTER

Ovviamente la rete, che non va tanto per il sottile, non può perdonare un errore così superficiale e ci va giù con l’arma che maneggia meglio: l’ironia. Qualcuno scrive «va bene che il Molise non esiste, ma questa cosa mi sembra davvero esagerata», qualcun altro, invece, si chiese se «nella notte il Pd abbia modificato (attraverso decreto approvato con fiducia) la geografia del Paese».

Qualche altro utente di Twitter dà buca all’appuntamento e rimanda l’incontro con la Picierno a data da destinarsi: «Oggi non posso… se vuoi ci vediamo a Genova in Calabria, altrimenti domenica sono a Reggio Emilia vicino a Torino subito dopo Caserta…».

Insomma, gli «amici abruzzesi» se la sono legata al dito. Figuriamoci quelli molisani.