La marcia indietro di Rossella Brescia: «Mai nominato Asia Argento, mi dispiace per lei»

di Redazione | 19/10/2017

Rossella Brescia rettifica

Rossella Brescia rettifica la sua posizione in merito alle sue parole sui social network. Con una nuova uscita su Facebook e su Twitter, sempre contraddistinta dall’ormai celebre hashtag #quellavoltache, la presentatrice afferma di non aver mai fatto nessun riferimento ad Asia Argento e che, in realtà, si riferiva genericamente al caso di Weinstein, il produttore di Hollywood accusato di aver commesso violenze e abusi su diverse attrici.

LEGGI ANCHE > Rossella Brescia attacca Asia Argento

ROSSELLA BRESCIA RETTIFICA, ECCO COSA AVEVA SCRITTO

La Brescia aveva scritto un post sul suo profilo Facebook privato in cui affermava:

«….Comunque le cose sono due o sono una cessa oppure c’è qualcosa che non mi torna….. …Oppure sono davvero una che ha intuito. Come mai non ho mai incontrato i vari #Weinstein nella mia vita ?eppure faccio questo mestiere da tanti anni . La verità è una sola, quando sento odore di marcio ,sfodero il mio sorriso migliore e volto le spalle. Dico sempre a me stessa siamo talmente tanti nel mondo,non c’è mica solo Weistein . #quellavoltache ….allora vediamo #quellavoltache mi hanno dato appuntamento in ufficio dopo le 20 …. col cacchio che mi sono presentata #quellavoltache un regista che non conoscevo mi ha dato un appuntamento al ristorante di sera ,solo noi due per parlare di lavoro(ma che scherzi,come no)col cacchio che mi sono presentata E ne avrei altri di #quellavoltache…..»

ROSSELLA BRESCIA RETTIFICA, LA SUA NUOVA VERSIONE

A questo post aveva fatto seguito la risposta piccata di Asia Argento che aveva scritto «Brava, sei meglio tu». Nel tardo pomeriggio, dopo una serie di attacchi che le erano stati rivolti, è stata sempre Rossella Brescia a scrivere: «MANNAGGIA a #quellavoltache ho scritto un post ed hanno beceramente strumentalizzato le mie parole». In tre punti, sintetizza la sua posizione, chiedendo scusa a chi si è sentito offeso dalle sue parole, sostenendo che i «maiali e laidi» ci sono ovunque e che bisogna difendersi da loro, sottolineando che non c’è mai stato alcun riferimento personale ad Asia Argento e che le dispiace immensamente per quello che è successo.