Lena Headey
|

Anche l’attrice di Game of Thrones Lena Headey molestata da Harvey Weinstein

Anche l’attrice di Game of Thrones Lena Headey (nella fortunata serie HBO interpreta Cersei Lannister) ha raccontato in una serie di tweet la sua pessima esperienza con Harvey Weinstein, il produttore cinematografico travolto dalle accuse di molestie sessuali. I due si sono incontrati per la prima volta alla Mostra del Cinema di Venezia, nel 2005. Lì Weinstein l’avrebbe invitata a fare una passeggiata.  «A un certo punto si è fermatto e ha fatto alcuni commenti e gesti spinti,  io ci ho riso sopra, ero veramente scioccata, ricordo che pensavo: “Dev’essere uno scherzo”. Ho detto qualcosa come: “Su dai! Sarebbe come baciare mio padre! Andiamo a bere qualcosa, torniamo dagli altri” ». Una reazione non senza conseguenze: Lena Headey non recitò mai più in un film della Miramax.

LE ACCUSE DI LENA HEADEY DI GAME OF THRONES CONTRO WEINSTEIN

Il secondo incontro tra Lena Headey e Harvey Weinstein fu a Las Vegas, alcuni anni dopo. «Ho sempre pensato che non ci avrebbe più riprovato con me, dopo che gli avevo riso in faccia e risposto che non sarebbe mai e poi mai accaduto niente tra noi. Pensavo che lui rispettasse i confini che avevo tracciato e forse volesse parlarmi di un potenziale lavoro». E invece l’attrice di Game of Thrones dovette ricredersi sul produttore cinematografico ancora una volta: i due si incontrarono per colazione. Weinstein le parlò del progetto di un film. Le fece alcune domande sulla sua vita privata. «Riportai la conversazione a qualcosa di meno personale», spiega l’attrice su Twitter. Poi l’ex capo della Miramax la invitò a salire nella stanza di albergo, per consegnarle un copione. «Abbiamo camminato fino all’ascensore e l’atmosfera è cambiata, tutto il mio corpo era in allerta. L’ascensore stava salendo, quando ho detto ad Harvey: “Non sono interessata a nient’altro al di fuori del lavoro, per favore non pensare che sia qui con te per nessun altra ragione, tra noi non sta per succedere nulla”. Non so cosa mi abbia preso per parlare in quel modo, so solo che avevo una fortissima repulsione verso di lui».

La reazione di Weinstein non è stata pacata: dopo che Lena Headey gli ha chiarito che non si sarebbe mai concessa a lui, è impazzito. «È rimasto in silenzio, furioso. Siamo usciti dall’ascensore e abbiamo camminato fino alla sua stanza. Mi teneva una mano sulla schiena, mi spingeva avanti, senza dire una parola. Mi sentii completamente impotente. Lui provò ad aprire la porta della sua stanza con la chiave magnetica, ma non funzionò. A quel punto si arrabbiò davvero: mi riaccompangò all’ascensore, poi giù fino al parcheggio, strattonandomi per il braccio. Pagò il posteggio dell’auto per me e mi disse nell’orecchio: “Non raccontare a nessuno quello che è successo, non al tuo manager, non al suo agente”. Salii in macchina e scoppiai a piangere», conclude l’attrice di Game of Thrones.

ANCHE L’ATTRICE DI GAME OF THRONES LENA HEADEY ACCUSA WEINSTEIN

La testimonianza di Lena Headey si aggiunge a quella di oltre 40 donne, che hanno accusato Weinstein di molestie sessuali, oltre che – in alcuni casi – addirittura di stupro. Accuse, queste ultime, che lui respinge categoricamente. Per quanto riguarda il resto, appena esploso lo scandalo, il produttore cinematografico si è scusato con le sue vittime: «Sono consapevole che il modo in cui mi sono comportato con alcune colleghe in passato ha causato molto dolore e chiedo scusa per questo».

Foto copertina: Credit Image: © Hbo/Entertainment Pictures via ZUMA Press