Padova, le studentesse del “Selvatico” in piazza: «I maschi dell’istituto tecnico ci molestano»

di Redazione | 12/10/2017

Selvatico

Una convivenza difficile quella tra il liceo artistico Pietro Selvatico di Padova – una delle più antiche e importanti Scuole d’Arte d’Italia – e i vicini dell’Istituto tecnico Bernardi, per lo più maschi. I problemi sono nati a settembre, quando la storica sede del Selvatico ha chiuso per problemi di sicurezza e le classi di moda e pittura – formate per lo più da ragazze – sono state trasferite nell’ex centro professionale Bentsik, in via Manzoni, proprio accanto ai coetanei dell’Ipsia Bernardi.

LE STUDENTESSE DEL LICEO ARTISTICO SELVATICO IN PIAZZA: «I MASCHI DELL’ISTITUTO TECNICO VICINO CI MOLESTANO»

«All’intervallo ci filmano con i cellulari, ci prendono in giro e ci molestano», denunciano oggi in piazza 700 studentesse (e alcuni studenti) del Selvatico di Padova. Per le vie della città hanno distribuito volantini, in cui raccontano della difficile convivenza con i rumorosi vicini che – a detta delle ragazze – dai piani superiori lanciano bottiglie, sputi e urlano «epiteti a sfondo sessuale».

GLI STUDENTI DEL SELVATICO: «VOGLIAMO TORNARE NELLA NOSTRA SEDE STORICA», MA LA PROVINCIA NON HA I SOLDI PER IL RESTAURO

Il corteo del Selvatico si è fermato in Prefettura. La protesta degli studenti ha uno scopo ben preciso: rientrare nella sede storica della Scuola d’Arte, che la ospita fin dal 1910. La struttura monumentale, di proprietà del Comune, è stata chiusa per motivi di sicurezza. È stata costruita nel 1821 da Giuseppe Japelli in largo Meneghetti ed era originariamente un macello. Per la ristrutturazione servono circa 4 milioni di euro, soldi che la Provincia – che ha la responsabilità della manutenzione delle scuole superiori – non ha, quindi non è sicuro che l’edificio tornerà ad accogliere le classi.

Gli studenti del Selvatico che oggi sono scesi in piazza per denunciare le molestie dei vicini del Bernardi hanno manifestato spesso negli ultimi mesi, per chiedere di rientrare nella loro storica sede. Insieme a loro anche professori, genitori ed ex alunni del liceo artistico, che su change.org hanno lanciato la petizione «Salviamo la storia di Padova, salviamo il Selvatico!», che ha raccolto oltre 4mila firme. Se non dovessero tornare nell’edificio ottocentesco, dovranno trovare un modo per convivere con i nuovi vicini.

TAG: Padova