Le critiche contro i vegetariani fanatici dei proprietari di un ristorante della Maremma

di Redazione | 06/09/2017

Vegetariani

I vegetariani più oltranzisti e fanatici sono stati pesantemente criticati dai proprietari di un ristorante di Pitigliano, piccolo comune della Maremma, su TripAdvisor. I due gestori dell’Angiolina, che si sono definiti onnivori, Leonardo Pini e Laura Simionato, hanno risposto con toni durissimi al commento di protesta di una persona che non mangia carne. Paolo C di Piacenza ha infatti scritto, poco tempo fa, come in questo ristorante non ci fosse alcuna offerta per i vegetariani.

GLI INSULTI CONTRO I VEGETARIANI SU TRIPADVISOR

«Nessuna possibilità per un vegetariano affamato, strano che di questi tempi non ci sia neanche un piatto semplice da proporre per chi non mangia carne…io mi sarei accontentato di poco!!!!». Su TripAdvisor è ormai d’abitudine leggere commenti molto pepati, diciamo così, e i i due proprietari dell’Angiolina non si son certo risparmiati. Leonardo Pini e Laura Simionato hanno infatti replicato con durezza a “Paolino”, diminuitivo sprezzante, per poi criticare pesantemente chi non mangia la carne ed espone tesi oltranziste.

Vegetariani

«Caro Paolino, viene fino in Maremma ad annoiarci proprio da Angiolina cercando qualcosa di “poco” per accontentarsi e sedare la sua fame di bacche, muschi e licheni.
Purtroppo, sono proprio “questi tempi” che ci preoccupano a causa del proliferarsi disordinato di una pletora di mentecatti con la testa bacata con i quali non siamo disponibili ad alcun confronto, che non desideriamo accontentare o per i quali non intendiamo negoziare e modificare la nostra proposta».

LEGGI ANCHE > LA BUFALA DI VALENTINA BOSCHI, CUGINA DI MARIA ELENA, PARRUCCHIERA ALLA CAMERA DA 22MILA EURO AL MESE

La risposta era già parecchio dura, ma i toni sono diventati ancora più aspri nelle frasi successive.«Adepti e fanatici ignoranti, che sposano e cavalcano tendenze, mode o integralistici atteggiamenti ideologici che assurgono, dopo abbuffate di idiozie sul web, al rango di profeti e apostoli, professando ogni giorno pericolose reinterpretazioni del vegetarianismo o veganismo». Leonardo Pini e Laura Simionato chiudono ironizzando sul fatto che “Paolino” non sia così,  ma si chiedono retoricamente come mai si sia perfino rifiutato di mangiare uova e formaggi.