Il piccolo Kelvin, travolto dalla folla a Torino, è tornato a casa

di Redazione | 14/06/2017

kelvin

Il piccolo Kelvin, il bambino di 7 anni che la sera del 3 giugno è stato travolto dalla folla in piazza San Carlo a Torino, è tornato a casa. Dopo dieci giorni, ieri, ha lasciato l’ospedale infantile Regina Margherita dove era stato ricoverato in coma a causa di un grave trauma toracico per rientrare con i genitori nella sua abitazione di Moncalieri, comune di circa 60mila abitanti alle porte del capoluogo piemontese. Durante il ricovero era stato trasferito dal reparto di rianimazione alla degenza di chirurgia.

 

LEGGI ANCHE > Cuore Dybala: regala la maglia al piccolo Kelvin | FOTO

 

KELVIN DI NUOVO A CASA

Kelvin era rimasto vittima del finto allarme scattato in piazza San Carlo durante la visione su maxischermo della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid. Il bambino, caduto a terra nel fuggi fuggi di migliaia di persone, si è salvato grazie all’intervento di due ragazzi che gli hanno fatto da scudo con il proprio corpo: Federico Rappazzo e Mohammad Guyele. La sua vicenda ha commosso in tanti. Ieri lo ha anche chiamato il suo idolo Paulo Dybala per fargli gli auguri di pronta guarigione. Il calciatore gli aveva già inviato una sua maglia tramite lo staff della Juventus. «Sono contento di essere di nuovo a casa, all’ospedale mi annoiavo un po’. Però una cosa che non dimenticherò mai è la telefonata di Dybala», ha detto Kelvin.

(Foto dall’account Twitter di Paulo Dybala)

TAG: Kelvin, Torino