Cina, le immagini della vergogna: in uno zoo, asino vivo dato in pasto a due tigri | VIDEO

di Gianmichele Laino | 10/06/2017

asino sbranato da tigri

Ma come vengono trattati gli animali negli zoo cinesi? Un video girato lunedì scorso sta facendo il giro del web in queste ore. Nello Yancheng Safari Park, nelle vicinanze di Shangai, un asino vivo è stato gettato in acqua e dato in pasto a due tigri che, in poco tempo, lo hanno sbranato. Vi avvertiamo: le immagini che vi mostriamo non sono adatte a un pubblico particolarmente sensibile.

LEGGI ANCHE: «Chiude il circo Barnum, una vittoria animalista»

VIDEO ASINO SBRANATO DA TIGRI

L’episodio è avvenuto davanti agli occhi dei visitatori della struttura. Alcuni, increduli e spaventati, hanno girato questo video e hanno denunciato l’episodio sui social network. Le immagini mostrano soltanto i primi momenti dell’azione sconsiderata, ma media locali sottolineano come ci sia voluta mezz’ora prima che le sofferenze del povero animale terminassero.

LE MOTIVAZIONI DEGLI AZIONISTI DELLO ZOO SU ASINO SBRANATO DA TIGRI

Secondo uno dei responsabili dello zoo, che ha rilasciato un’intervista al Guardian: «All’origine dell’episodio ci sarebbe l’azione di un gruppo di azionisti scontenti. In collera per la mancanza di guadagni economici da parte della struttura, avrebbero organizzato la cattura di alcuni animali dello stesso zoo, compreso l’asino protagonista del filmato, per metterli in vendita al’esterno. Dopo essere stato fermato dagli addetti alla sicurezza, il gruppo di persone che aveva catturato l’asino ha deciso quindi di darlo in pasto alle tigri per risparmiare quantomeno sulle spese per il cibo».

Le associazioni animaliste di tutto il mondo sono in rivolta. Ma il video terribile ha toccato davvero tutti. Nel 2017 è ancora possibile, insomma, che accadano episodi di crudeltà gratuita come questo. In Cina, nonostante il boom economico e la crescita dei ricavi per strutture come gli zoo e i bioparchi, non sembra esserci alcun rispetto per il benessere degli animali.

(FOTO screenshot del video da YouTube)