Kelvin, il bimbo schiacciato in piazza San Carlo, è sveglio e respira da solo

di Andrea Mollica | 06/06/2017

Kelvin

Kelvin, il piccolo bambino cinese schiacciato dalla calca in piazza San Carlo, si è risvegliato dal coma farmacologico, e mostra continui segni di miglioramenti. I medici del Regina Margherita, dove il piccolo tifoso juventino è stato ricoverato sabato sera, lo hanno estubato. Ora Kelvin è sveglio e cosciente, ed è in grado di respirare da solo. La prognosi riservata è rimasta a solo scopo precauzionale. Kelvin infatti sarà trasferito dalla Rianimazione in un reparto di degenza se continuerà a mostrare gli attuali segni di miglioramento. Il piccolo Kelvin era apparso sabato sera come il ferito più grave tra i 1500 di piazza San Carlo, ed era arrivato in codice rosso, ovvero in pericolo di vita. Ieri i medici, dopo che avevano appurato come il bambino non fosse più in pericolo di vita, avevano deciso di farlo uscire dal coma farmacologico.

LEGGI ANCHE > Kelvin, il bimbo cinese schiacciato in piazza San Carlo è salvo

Tentativo riuscito con successo. Kelvin è l’ultimo dei quattro figli di una famiglia cinese residente nel quartiere di Mirafiori, e come raccontato dai genitori e dalla sorella che l’aveva accompagnato in piazza San Carlo è un grande tifoso juventino. La bandiera della squadra bianconera in cui era avvolto quando è stato fotografato incosciente era la maglietta che si era creato per assistere alla finale della Champion’s League contro il Real Madrid. Per la vita di Kelvin è stato provvidenziale l’intervento di Mohamed, un ragazzo di 20 anni che è riuscito a bloccare la folla che calpestava il piccolo Kelvin, prima dell’intervento dei sanitari.

Foto copertina: ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

TAG: Torino