Senato, Adriano Galliani è pronto a scendere in campo. Con Forza Italia

di Gianmichele Laino | 05/06/2017

Milanello Adriano Galliani

Da Forza Milan a Forza Italia il passo è breve. E così, Adriano Galliani, ex amministratore delegato della squadra rossonera, rimasto «disoccupato» dopo il closing con i cinesi, sarebbe pronto a una nuova avventura. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, il fedelissimo di Silvio Berlusconi («l’unica persona a cui sono rimasto fedele in vita mia») potrebbe essere nella rosa dei candidati alle prossime elezioni politiche per il partito dell’ex cavaliere.

LEGGI ANCHE: «Adriano Galliani vuole comprare il Milan»

IL PROFILO POLITICO DI ADRIANO GALLIANI

Una figura che non ha diretta esperienza tra gli scranni parlamentari, ma che è stato uomo delle istituzioni come vicepresidente della Lega Calcio. E che è stato capace di mediare e di mettere in campo azioni diplomatiche per ottenere soluzioni condivise. Le doti del politico, insomma. In più, come dimenticare l’azione svolta come massimo dirigente rossonero? Galliani è sempre stato il frontman del Milan in tutte le situazioni, ha messo la faccia sia nelle vittorie più sorprendenti, sia nelle sconfitte più brucianti. Sa gestire la stampa e le pressioni dell’ambiente esterno.

Ecco perché, da qualche tempo, ad Arcore sta circolando pesantemente la voce che lo vorrebbe in lista al Senato. Silvio Berlusconi ha ottenuto il placet dell’avvocato Niccolò Ghedini e della figlia Marina Berlusconi che stanno cercando di portare avanti la campagna acquisti per le prossime politiche. E Galliani sarebbe un vero e proprio «colpo alla Galliani»: a parametro zero, classe assicurata, decisione dell’ultimo minuto. Nello stile «giorni del condor», che ha da sempre caratterizzato il modo di fare calciomercato dell’uomo famoso per le sue esultanze scatenate dalla tribuna di San Siro.

La decisione, comunque, ha bisogno della limatura di diversi dettagli prima di potersi considerare acquisita. Galliani ha bisogno di assaporare l’eccitazione della sfida e di frequentare, come una sorta di apprendistato, ancora qualche cena politica nel giardino della villa della famiglia di Berlusconi. Ma il tempo è agli sgoccioli: il tedeschellum sta per essere approvato e le urne sono vicine. Eccoli i «giorni del condor». Per una volta, Galliani sarà seduto dall’altra parte della scrivania.

(FOTO: ANSA/PAOLO ZEGGIO)