Il nomade accusato del rogo di Centocelle scippò la cinese Zhang, investita dal treno

di Redazione | 01/06/2017

Serif Seferovic

Una vicenda che ha dell’incredibile. Il nomade di 20 anni fermato per l’omicidio delle tre sorelle morte nell’incendio del camper di Centocelle era stato arrestato dalla polizia per il furto della borsa della studentessa cinese Zhang Yao morta poco dopo essere stata investita da un treno mentre inseguiva i suoi scippatori lo scorso anno a Roma. Lo si apprende da fonti investigative. Per quell’episodio furono arrestati tre nomadi con l’accusa di furto con strappo.

ROGO CENTOCELLE: FERMATO SERIF SEFEROVIC

Gli uomini della Sezione Omicidi della Squadra Mobile di Roma, in collaborazione con la Squadra Mobile di Torino, hanno fermato Serif Seferovic, 20 anni, pregiudicato per reati contro il patrimonio, poiché gravemente indiziato di essere il responsabile dell’omicidio plurimo delle sorelle Elisabeth, Francesca e Angelica Halilovic.I fatti risalgono al decorso 10 maggio, quando, all’interno del parcheggio del centro Commerciale “Primavera” di Piazza Mario Ugo Guatteri, si è sviluppato l’incendio di un camper in sosta con all’interno un nucleo familiare composto da 13 persone. A seguito del rogo, che ha totalmente combusto il mezzo, morirono le tre sorelle che non fecero a mettersi in salvo.

(foto copertina ANSA/ANGELO CARCONI)