La Cassazione respinge Berlusconi: «Deve due milioni di euro al mese a Veronica»

di Gianmichele Laino | 16/05/2017

Berlusconi-Lario

Il discrimine sta nella differenza tra separazione e divorzio. C’è questo all’origine della sentenza della Cassazione che respinge il ricorso di Silvio Berlusconi contro i due milioni di euro al mese da versare alla ex moglie Veronica Lario. Non cessano i doveri di solidarietà coniugale nelle cause di separazione e l’ex coniuge più facoltoso «ha ancora il dovere di garantire al partner separato lo stesso tenore di vita del matrimonio».

LEGGI ANCHE: «Divorzio e calcolo dell’assegno al coniuge: ora non vale più il tenore di vita»

Sempre nelle motivazioni della sentenza, si legge che Silvio Berlusconi «è ancora uno degli uomini più ricchi del mondo» e che, pertanto, sarebbe rilevante la disparità dei suoi redditi rispetto a quelli di Veronica Lario. Da qui, dunque, la decisione di non sospendere il maxiassegno da versare mensilmente alla donna.

LA NATURA DELLA SENTENZA BERLUSCONI-LARIO

Una sentenza che sembra andare in controtendenza rispetto a quella di qualche giorno fa, quando la Corte aveva deciso che il criterio dell’indipendenza o autosufficienza economica – e non il tenore di vita goduto nel corso delle nozze – doveva essere discriminante per determinare la natura dell’assegno all’ex coniuge. Ma questo vale soltanto per le cause di divorzio e non per quelle di separazione. 

La cifra contestata da Berlusconi, infatti, si riferisce proprio al periodo della separazione e si va ad aggiungere a un «assegno divorzile» da 1,4 milioni di euro che è stato versato sempre a cadenza mensile dal 2015. Si tratta, insomma, dell’ennesimo colpo di scena nella vicenda Berlusconi-Lario. In questi ultimi giorni, proprio in virtù della sentenza del Palazzaccio sulle cifre da versare in caso di divorzio, l’entourage di Berlusconi aveva fatto trapelare un certo ottimismo sull’esito della sentenza.

Ottimismo che, però, non ha trovato corrispondenza con la realtà: la Cassazione ha infatti confermato la sentenza della Corte d’Appello di Milano che nel 2014 aveva fatto scendere da 3 a 2 i milioni di euro che il leader di Forza Italia dovrà versare alla sua ex moglie.

(FOTO: ANSA/DANILO SCHIAVELLA)