dj fabo morto
|

Dj Fabo è morto. Cappato: «Ha scelto di andarsene rispettando le regole di un Paese non suo»

Dj Fabo, il 39 enne cieco e tetraplegico Fabiano Antoniani, che si è fatto accompagnare in una clinica in Svizzera per chiedere l’eutanasia, è morto. «Fabo è morto alle 11,40, ha scelto di andarsene rispettando le regole, di un paese che non è il suo», ha scritto Marco Cappato dell’Associazione Luca Coscioni (che aveva accompagnato Fabiano in Svizzera) sul suo profilo Facebook. Nella clinica svizzara dove Dj Fabo è morto sono presenti la mamma, la fidanzata e alcuni amici.

 

 

DJ FABO MORTO, ASSOCIAZIONE COSCIONI: «POLITICA HA PERSO»

«Fabo è libero, la politica ha perso», hanno affermato Cappato e Filomena Gallo della Associazione Luca Coscioni, a poche ore dalla morte in Svizzera dell’uomo. «L’esilio della morte è una condanna incivile – hanno affermato -. Compito dello Stato eè assistere i cittadini, non costringerli a rifugiarsi in soluzioni illegali per affrontare una disperazione data dall’impossibilità di decidere della propria vita morte. Chiediamo che il Parlamento affronti la questione del fine vita per ridurre le conseguenze devastanti che questo vuoto normativo ha sulla pelle della gente». Secondo Gallo e Cappato, il disegno legge all’esame della Camera è «positivo nel riconoscere il carattere vincolante delle disposizioni e nel non escludere nutrizione e idratazione artificiale dalle terapie che possono essere oggetto di disposizione anticipata. Osserviamo però che la Commissione Affari Sociali – dicono – ha aggiunto alcune espressioni ambigue che rischierebbero di svuotare di fatto il carattere vincolante delle disposizioni, in questo contravvenendo al principio costituzionale dell’autodeterminazione individuale e del diritto a non essere sottoposti a trattamenti sanitari contro la propria volontà». I due esponenti si riferiscono, in particolare, al riferimento alla «tutela della vita», alle «cure condivise» tra medico e paziente, al ricorso a un giudice per dirimere controversie tra medico e fiduciario e, infine, al riferimento alla «’deontologia professionale’ innalzata a fonte del diritto».

 

LEGGI ANCHE > Il video di Dj Fabo: «Arrivato in Svizzera per uscire dal mio inferno di dolore»

 

DJ FABO MORTO, MESSAGGIO AUDIO SU TWITTER

Dj Fabo era tetraplegico e non vedente per un drammatico incidente stradale. Negli ultimi giorni aveva lanciato un appello al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per poter terminare la sua esistenza e porre così fine alle sue insofferenze. Dj Fabo aveva annunciato il suo arrivo in Svizzera in un video (con la sola traccia audio e una foto di lui insieme al suo cane) pubblicato sull’account Twitter di Liberi fino alla fine, campagna promossa dall’Associazione Luca Cosioni per una buona legge sulle scelte di fine vita. Il video è stato poi condiviso da Cappato, esponente dei Radicali italiani, in passato europarlamentare e consigliere comunale di Milano, da sempre molto impegnato in materia di diritti civili.

 

 

DJ FABO MORTO, REAZIONI POLITICHE

La notizia della morte d Dj Fabo è stata seguita da molte reazioni dal mondo della politica. La storia di Fabiano ha acceso i riflettori ancora sul tema del testamento biologico e del fine vita. «Mi vergogno di un Paese e di un Parlamento incapace di dare dignità e libertà a chi chiede autodeterminazione», ha scritto su Twitter il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni. «Come senatore mi sento responsabile di un Parlamento bloccato dai veti. Legge sul testamento biologico adesso», ha scritto invece su Twitter  il senatore Pd Andrea Marcucci.

(Immagine via Twitter)

TAG: Dj Fabo