Lo stupro sul treno da parte di due africani è stato inventato

di Redazione | 24/02/2017

Brancaleone

La storia della liceale di Vigevano picchiata e molestata sessualmente su un treno regionale che la riportava a casa da Milano è inventata. La 15enne avrebbe raccontato solo menzogne agli investigatori, come spiega Il Giornale di oggi. La vicenda aveva scandalizzato l’opinione pubblica, vista la giovane età della ragazza che aveva subito una violenza, e la presunta indifferenza delle persone. Secondo il racconto della 15enne di Vigevano due nordafricani l’avrebbero ripetutamente picchiata e violentata su un treno della linea Milano-Mortara, dopo che un’amica di scuola con cui viaggiava era scesa a una fermata. Sola sul mezzo di trasporto, la ragazza sarebbe stata avvicinata da due giovani, uno dei quali era un suo contatto Facebook con cui aveva chattato. La liceale avrebbe urlato per fermare le violenze subite, ma nessuno si sarebbe interessato, lasciando la ragazza impossibilitata a difendersi. Le lesioni corporali effettivamente riscontrate dopo un controllo medico avevano avviato un’imponente caccia all’uomp per trovare i responsabili del crimine. Come spiega Paolo Fucilieri gli investigatori non hanno trovato alcun riscontro al racconta della ragazza, nelle immagini registrate dalle telecamere nei pressi della stazione di Porta Genova. Nessuno dei sospetti si notava tra i frammenti ripresi nei video, e l’inchiesta è arrivata a un punto di svolta quando il magrebino conoscente della liceale si è presentato dopo essersi accorto di esser seguito. Il giovane straniero ha confermato di conoscere la liceale di Vigevano, ma ha negato qualsiasi addebito, mostrando di non aver mai preso quel treno il giorno del presunto stupro. Secondo il Giornale gli inquirenti reputano la difesa del giovane molto credibile, visto che avrebbe un alibi di ferro. L’inchiesta è dunque arrivata a una svolta  che archivia di fatto il caso, e ora si attende solo che la ragazza, di buona famiglia, spieghi i motivi della bugia.

Foto copertina: ANSA/ Claudi Tomatis