|

Usa, un immigrato messicano espulso si suicida gettandosi da un ponte

Un migrante messicano si è suicidato lanciandosi da un ponte alla frontiera tra gli Stati Uniti e Tijuana (città principale dello stato messicano della Bassa California) mentre lo stavano rimpatriando insieme con altri immigrati illegali. Guadalupe Olivas, 45 anni di Sinaloa, era già stato espulso in altre due occasioni.

 

LEGGI ANCHE > Donald Trump spiega l’invenzione dell’attacco terroristico in Svezia

 

USA, IMMIGRATO MESSICANO ESPULSO SI SUICIDA GETTANDOSI DA UN PONTE ALLA FRONTIERA

L’uomo, dopo essersi lanciato dal cavalcavia di circa 10 metri di altezza, è stato portato in un ospedale, dove è deceduto poco dopo. Olivas aveva con sé una piccola borsa e il cibo che le pattuglie Usa della frontiera consegnano ai migranti espulsi, sottolineano i media locali, ricordando che Olivas era stato fermato lunedì a San Diego.

(Foto del confine tra Usa e Messico Tijuana da archivio Ansa. Credit: Gonzalo Gonzalez / Anadolu Agency)