Com’era essere un soldato omosessuale nella seconda guerra mondiale

di Redazione | 21/02/2017

seconda guerra mondiale

Gilbert Bradley era un soldato che ha combattuto durante la seconda guerra mondiale. Anche lui, come molti altri militari, per evadere dalla quotidianità scriveva lettere alla persona amata. Dagli scritti acquistati su eBay dal curatore del museo Mark Hignett della città di Oswestry, situata nella parte occidentale dell’Inghilterra al confine con il Galles, è emerso che il destinatario delle sue missive era un non meglio preciso G. A più di settant’anni di distanza si è scoperto che G. stava per Gordon. Gilbert quindi era innamorato di un altro uomo.

Le lettere sono decisamente significative perché al tempo l’omosessualità non solo era considerata “una colossale indecenza” ma era anche illegale.

Stralci delle lettere si possono leggere nell’articolo uscito oggi su Bitchyf.

Ritrovate le lettere d’amore di due soldati gay della seconda guerra mondiale

Nei mesi scorsi Mark Hignett ha speso più di 1.200£ per comprare su ebay dei pacchi di lettere scritte da alcuni soldati nella seconda guerra mondiale e tra queste ha trovato quelle del soldato Gilbert Bradley e del suo fidanzato, Gordon Bowsher.

I due militari si sono innamorati nel 1938 e le lettere trovate da Mark vanno dal 1939 al 1944 e raccontano la storia di un amore proibito, infatti all’epoca le relazioni omosessuali erano considerate un reato. Se fossero stati scoperti i due avrebbero rischiato la fucilazione.

12 febbraio 1940 – Park Grange

Mio caro ragazzo
Non desidero nulla di più che averti qui con me e tenerti al mio fianco tutti i giorni …
Riesco solo ad immaginarmi quale sarebbe la reazione di tuo padre e tua madre alla notizia del nostro amore … il resto del mondo non ha alcuna idea di ciò che è il nostro amore – non sanno che si tratta di amore, vero amore …

1 Febbraio 1941 – K. C. Gloucester, Priors Road, Cheltenham

Il mio caro amore,
Per anni ho pensato che nessun sentimento potesse durare per tutta la vita, sbagliavo …
Voglio che tu adesso provi ad immaginarti il nostro futuro.
Immagina il momento in cui la guerra finirà e potremo vivere insieme come desideriamo… adesso pensiamo solo questo, al nostro futuro insieme.

Tuo G.

Mark Hignett sta lavorando ad un libro che racconterà la storia di Gilbert e Gordon ed ha rivelato che presto tutto il materiale dei due soldati sarà in mostra nel museo civico di Oswestry. Intanto però Mark ha condiviso una parte stupenda di una delle ultime lettere, un messaggio che regala un po’ di speranza.

“Non sarebbe meraviglioso se in futuro, in un tempo più illuminato, qualcuno decidesse di pubblicare le nostre lettere? Magari un giorno tutto il mondo vedrà quanto davvero ci siamo amati”.

Il desiderio dei due ragazzi si è realizzato, purtroppo però dopo la guerra le loro strade si sono separate e non sono riusciti ad andare a vivere insieme. Nonostante tutto Gilbert ha conservato gelosamente le lettere fino alla sua morte nel 2008.

Se vuoi conoscere altre notizie sul mondo LGBT clicca qui.

foto copertina Pixabay