‘Ndrangheta, sequestrati beni a imprenditore per 142 milioni di euro

di Redazione | 18/02/2017

'ndrangheta

La Dia (Direzione Investigativa Antimafia) di Reggio Calabria, sotto le direttive della Dda, ha eseguito un sequestro di beni per un valore complessivo di 142 milioni di euro nei confronti di un imprenditore attivo nel settore edilizio immobiliare e alberghiero, Pietro Siclari, di 69 anni, accusato di avere intrattenuto rapporti con alcune cosche della ‘ndrangheta.

 

LEGGI ANCHE > I bagarini online che usavano le Postepay di pensionati in crisi

 

‘NDRANGHETA, SEQUESTRO BENI PER 142 MILIONI A IMPRENDITORE

Siclari fu arrestato nel novembre del 2010 sempre dalla Dia e condannato ad otto anni di reclusione. Già nel maggio del 2015 i beni dell’imprenditore erano stati confiscati, ma alla fine del 2016 la Corte d’appello di Reggio ne aveva disposto il dissequestro. Successivamente la Dia ha condotto ulteriori accertamenti che hanno consentito alla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di emettere un nuovo provvedimento di sequestro nei confronti di Siclari. Oggetto del sequestro sono 87 immobili, tra appartamenti, ville, locali commerciali e terreni, e numerosi rapporti finanziari tra cui conti correnti, fondi comuni d’investimento e depositi titoli.

(Foto da archivio Ansa di Cesare Abbate)