Romeo: «Io, pentito di aver presentato Marra al M5S»

di Redazione | 06/02/2017

romeo

«Pentito è un eufemismo». Così si è espresso stamattina l’ex capo della segreteria della sindaca di Roma Virginia Raggi, Salvatore Romeo (intervistato nel corso del programma televisivo ‘Agorà’ dopo la bufera per la vicenda delle polizze vita) rispondendo al giornalista che gli chiedeva se fosse pentito di aver presentato l’ex capo del Personale Raffaele Marra al Movimento 5 Stelle.

 

LEGGI ANCHE > Chat M5S, Romeo disse a Marra: «Chiedi al tuo amico di indagare sulla Muraro»

 

ROMEO: «SAPEVO CHE MARRA ERA PERSONA A POSTO»

«Ho lavorato con lui per tanto tempo, era mio capo dipartimento, aveva dei titoli e veniva dalla guardia di finanza – ha sottolineato Romeo parlando del suo rapporto con Marra (ora in carcere per corruzione, arrestato a dicembre) – Per quello che sapevo era una persona a posto, le cose per cui viene accusato sono precedenti al nostro rapporto di conoscenza, non ne sapevo nulla e non lo immaginavo». «Io e Marra siamo, cioè io sono e Marra credo sia attualmente sospeso, dipendenti della pubblica amministrazione – ha ricordato Romeo – con ruoli diversi, lui era il mio capo, l’ho conosciuto nel 2013, ho lavorato con lui anche bene per un certo periodo di tempo producendo anche qualche risultato. In ragione e in virtù di questo rapporto fiduciario l’ho nel tempo presentato a diverse persone del M5S».

ROMEO: «IPOTESI SULLE POLIZZE A RAGGI? SE SI CONTINUA ARRIVANO QUERELE»

Riferendosi poi alle diverse ipotesi circolate riguardo alla scelta di Virginia Raggi come beneficiaria di sue polizze vita a pochi mesi dal voto (pochi mesi quindi di essere promosso), Romeo ha dichiarato:  «Le ipotesi le abbiamo già abbondantemente smentite e se si continua in questo senso inizieremo con le querele». E sulle chat con Marra, prima che Raggi diventasse sindaca, Romeo ha continuato: «Sicuramente ci stavamo preparando per cercare di governare la città laddove si fosse vinto, proprio perché ci conoscevamo», aggiungendo di riferirsi alla ‘squadra’.

(Foto: ANSA / ANGELO CARCONI)