foto ex
|

L’ex compagna non lo vuole più. E lui tappezza il paese con le foto (formato poster) di lei nuda

L’ex compagna non lo vuole più. Lui si vendica tappezzando il paese con una foto (formato poster) di lei nuda scattata durante i loro momenti di intimità. È un singolare episodio che si è verificato in provincia di Venezia, raccontato oggi dal quotidiano Il Gazzettino.

 

LEGGI ANCHE > Angela Merkel rilancia l’Europa a più velocità

 

TAPPEZZA IL PAESE CON LE FOTO EX COMPAGNA NUDA

La donna, una cittadina cubana 34enne ha capito subito che si trattava di una ripicca dell’ex, un 60enne mestrino, dipendente pubblico, e lo ha denunciato ai carabinieri. Il fatto, tra l’altro, si sommava a precedenti episodi di stalking attuati dall’uomo nel tentativo vano di riconquistare la fidanzata. Racconta Gabriele Pipia sul Gazzettino:

Prima ha provato a riconquistarla con i dolci corteggiamenti, poi quando ha capito che non c’era più niente da fare è passato alle molestie. Telefonate ad ogni ora, pressioni, appostamenti.

All’apice di tutto ciò, lo scorso autunno l’uomo ha deciso di andare oltre. Ha stampato una foto della donna nuda, scattata durante un momento intimo della coppia, e ne ha ricavato una decina di poster a colori grandi un metro per 60 centimetri. Questi poster sono stati affissi in piena notte in varie zone del Miranese, soprattutto fuori da un noto locale da ballo, catturando l’attenzione di tutti al mattino seguente. Chi ha notato questi poster ha pensato ad una goliardata di cattivo gusto, nessuno immaginava che dietro ci fosse una piccata vendetta provocata da un amore malato.

Ad accorgersi delle foto sono stati alcuni colleghi della donna, che hanno strappato i poster e avvertito la 34enne. La Procura di Venezia ha disposto un per l’ex compagno un periodo di arresti domiciliari, con l’obbligo, una volta tornato libertà, di non riavvicinarsi alla casa o a luogo di lavoro dell’ex compagna. Le foto erano state affisse dall’uomo in diversi punti del paese del Veneziano dove i due avevano convissuto per un periodo, e soprattutto davanti al locale dove la donna lavora come ballerina. Indagini sono ancora in corso.

(Foto da archivio Ansa. Credit: Lukas Schulze / dpa)

TAG: Venezia