Roma, s’indaga sul dossier M5S contro Marcello De Vito. Legale di Virginia Raggi: «Fantapolitica»

di Redazione | 01/02/2017

dossier m5s

Nel mirino dei pm della Procura di Roma è finito anche il dossier M5S confezionato ai danni del presidente dell’assemblea capitolina Marcello De Vito, esponente del Movimento di Beppe Grillo sconfitto alle comunarie per la candidatura a sindaco dall’attuale prima cittadina Virginia Raggi. È stato aperto un fascicolo, che per il momento è senza indagati o ipotesi di reato.

 

LEGGI ANCHE > Così Renzi staccherà la spina al governo Gentiloni. La road map fino al voto di giugno

 

ROMA, PROCURA INDAGA SU DOSSIER M5S CONTRO MARCELLO DE VITO

Sul dossier, tra sabato e lunedì, sono stati ascoltati la deputata Roberta Lombardi, lo stesso De Vito, il consigliere regionale Gianluca Perilli e un avvocato del gruppo M5S alla Pisana. Ne parlano oggi Maria Elena Vincenzi e Giovanna Vitale su Repubblica:

La storia è nota. A fine 2015 De Vito e Raggi erano entrambi in corsa per la candidatura a sindaco del M5S, ma alla vigilia della consultazione fra gli iscritti lo sfidante che tutti ritenevano il più forte venne fatto oggetto di una campagna di fango per un accesso agli atti su un abuso edilizio, chiesto l’anno prima nella sua veste di consigliere comunale. Fra dicembre e gennaio 2016 i colleghi di allora — Raggi, Frongia e Stefàno, forti del parere di un legale di fiducia — gli contestarono alla presenza di svariati parlamentari (tra cui Di Battista, Ruocco e Taverna) il reato di abuso d’ufficio. Inscenando un “processo” pubblico che finì per azzopparlo. Le primarie furono vinte dall’avvocata della borgata Ottavia, poi entrata trionfalmente in Campidoglio.

La voce che gira a palazzo Senatorio e di cui i pm hanno chiesto conto ai testimoni – spiega ancora Repubblica – è che a fabbricare il dossier per screditare De Vito fu Raffaele Marra (l’ex capo del personale fedelissimo della Raggi che a dicembre è stato arrestato per corruzione e che con la sindaca risulta indagato per la nomina a capo del dipartimento Turismo di suo fratello Renato Marra). Il dossier potrebbe essere uno dei motivi, sospettano gli inquirenti, per il quale la prima cittadina ha legato il suo destino politico al dirigente.

LEGALE DI VIRGINIA RAGGI: «DOSSIER M5S CONTRO MARCELLO DE VITO? FANTAPOLITICA»

La notizia dell’indagine è stata commentata anche dai legali della Raggi. Il presunto dossier contro De Vito per favorire la sindaca nella candidatura M5S al Campidoglio «è fantapolitica», ha detto l’avvocato Alessandro Mancori. «Per quanto ne so io – ha detto ancora il legale – Raggi ha conosciuto Marra nel 2013, quando è stata eletta in Consiglio comunale, ma hanno iniziato a parlarsi solo a marzo-aprile del 2016». Quindi – secondo Mancori – dopo la comparsa del presunto dossier (spuntato in vista delle Comunarie M5S).

(Foto profilo Facebook di Marcello De Vito)