Davide De Carolis, il soccorritore-eroe di Rigopiano morto nello schianto dell’elicottero del 118

di Redazione | 25/01/2017

davide de carolis

C’è anche uno degli eroi dell’Hotel Rigopiano tra le vittime dello schianto dell’elicottero del 118 avvenuto nell’AquilanoIl velivolo è precipitato in un canalone da un’altezza di 600 metri. Era intervenuto per soccorrere uno sciatore ferito. Tutte le sei persone a bordo hanno perso la vita. Davide De Carolis venerdì scorso, 20 gennaio, era a lavoro a Farindola (Pescara) per salvare la vita di persone che si trovavano tra le macerie del resort che due giorni prima era stato spazzato via da una valanga.

 

LEGGI ANCHE > Valanga Hotel Rigopiano, estratti altri corpi: le vittime ora sono 18. I dispersi 11

 

DAVIDE DE CAROLIS, IL RICORDO DI AMICI E FAMILIARI SU FACEBOOK

In queste ore su Facebook ricordano il ruolo e la bravura di Davide diversi amici e colleghi. «Lui – ha scritto ad esempio Monica postando un’immagine del soccorritore scomparso – è Davide De Carolis, o meglio mio cugino Davide, esperta guida alpina, facente parte del soccorso alpino, colui che è stato tra i primi ad intervenire nella tragedia di Rigopiano, colui che ha estratto vivo uno dei sopravvissuti, colui che dedicava la maggior parte della sua vita ad aiutare gli altri». Roby De Paolis, amico e altro soccorritore all’Hotel Rigopiano, aveva raccontato il lavoro compiuto da Davide al resort travolto dalla valanga, il suo coraggio, con una lettera. «Entriamo nella buca io e Davide –  è uno dei passaggi del suo lungo messaggio – e iniziamo a scavare aiutati da Fabio, un vigile del fuoco che pur senza guanti resterà con noi tutta la notte. Dopo meno di un’ora pratichiamo un foro su quel che resta di un tetto e iniziamo a chiamare, ci risponde G. dicendoci che ci sente ma che siamo ancora lontani. Nevica, a volte pioviggina, ore durante le quali scaviamo con attenzione una enorme quantità di materiale, il problema è individuare correttamente da dove percepiamo la sua voce ma finalmente G. ci comunica che vede una delle nostre luci, vuol dire che siamo vicini».

A bordo dell’elicottero precipitato nell’Aquilano c’era anche un altro soccorritore intervenuto all’Hotel Rigopiano, Walter Bucci, un medico rianimatore di 57 anni in forza alla Asl de L’Aquila. Aveva lavorato due giorni tra le macerie del resort di Farindola travolto dalla valanga. Davide De Carolis era invece un tecnico dell’elisoccorso del soccorso alpino e consigliere comunale di Santo Stefano di Sessanio, in provincia dell’Aquila.

(Immagine via Facebook)