Abruzzo forte, gentile (e senza energia elettrica per giorni)

di Redazione | 22/01/2017

Mentre si continua a cercare i dispersi all’Hotel Rigopiano in Abruzzo sono proseguite per tutta la notte le attività dei 1600 tecnici di e-distribuzione, provenienti da tutta Italia, per raggiungere le aree rimaste senza corrente elettrica, riparare le linee interrotte e l’attivazione di oltre 600 gruppi elettrogeni.

LEGGI ANCHE > Vignetta di Charlie Hebdo sulla valanga, Farindola querela il giornale satirico

ABRUZZO ENERGIA ELETTRICA ASSENTE: LA SITUAZIONE COMUNE PER COMUNE

Nelle Provincie di Chieti e Pescara la situazione sta pian piano rientrando nella normalità. Nel teramano però, stamane, erano ancora 14 mila gli utenti senza corrente elettrica di cui 4 mila in Comuni non raggiungibili e altri mille in frazioni isolate. Capirete che con l’abbondante nevicata avere l’energia per cucinare, scaldarsi o utilizzare l’acqua sanitaria diventa fondamentale. Tutte le operazioni per il ripristino del servizio sono svolte in coordinamento con la Protezione Civile, le Prefetture e le Istituzioni Locali. Dall’inizio dell’emergenza la task force di e-distribuzione ha progressivamente rialimentato circa 200 mila utenze. Un lavoro lungo, complesso e sul quale non sono mancate polemiche. Qui  la tabella delle riattivazioni pianificate da Enel comune per comune

ABRUZZO ENERGIA ELETTRICA ASSENTE: LE SCUSE DI ENEL

«Chiediamo scusa ai cittadini abruzzesi, agli enti locali e alle Istituzioni per le problematiche di interruzione di energia elettrica che si sono avute in più zone dell’Abruzzo da domenica scorsa fino a queste ore ma con le condizioni meteo eccezionali e con neve e freddo degli ultimi giorni ci sentiamo di dire di aver fatto tutto il possibile e con tutte le forze in campo per poter ridurre i disagi agli abruzzesi». Lo hanno comunicato i vertici di Enel Energia, il direttore Infrastrutture e Reti Global Enel, Livio Gallo, e il responsabile Infrastrutture e Reti Enel Italia Gianluigi Fioriti.

 

TAG: Abruzzo, Enel