El Chapo, il re del traffico di droga estradato negli Stati Uniti

di Redazione | 20/01/2017

el chapo

L’ex re del narcotraffico messicano, Joaquin Guzman, meglio conosiuto come ‘El Chapo’, è stato estradato negli Stati Uniti dove deve rispondere di accuse legate al traffico di stupefacenti. Lo ha annunciato il governo messicano. Guzman, 59 o 62 anni in  base alle diverse date di nascita disponibili, è stato prelevato dal carcere di massima sicurezza nella città di confine di Ciudad Juárez ed è stato trasferito all’aeroporto della stessa città per essere consegnato alle
autorità degli Stati Uniti. Il Dipartimento di Giustizia ha  ringraziato il Messico «per la sua ampia cooperazione e per  l’assistenza nel garantire l’estradizione di Guzman per gli Stati  Uniti».

 

LEGGI ANCHE > L’insediamento di Donald Trump, il 45esimo presidente degli Stati Uniti

 

EL CHAPO ESTRADATO NEGLI USA, MESSAGGIO DI COOPERAZIONE DAL MESSICO?

L’estradizione avviene a poche ore dalla cerimonia di insediamento del presidente eletto Usa Donald Trump, e molti esperti hanno interpretato  questa coincidenza come un modo per inviare un messaggio di  cooperazione al nuovo presidente, che continua ad avere un  atteggiamento ostile verso il Messico. A fugare queste voci, è stato  il procuratore generale del Messico Alberto Elias Beltran, che ha  negato ogni collegamento fra i due eventi. «Non vi è nessun’altra motivazione dietro l’estradizione di ‘El Chapo’», ha detto se non quelle giudiziarie, ovvero che un tribunale  collegiale ha rigettato l’ultimo ricorso legale.

(Immagine da archivio Reuters)