La banda che sfruttava i nomi di John Travolta e Andrea Bocelli per truffare risparmiatori

di Redazione | 17/01/2017

La Guardia di Finanza di Varese a seguito di un’indagine coordinata dalla Procura di Busto Arsizio (provincia di Varese) ha sgominato un’organizzazione criminale internazionale con basi in Italia, Lussemburgo, Svizzera, Caraibi e Londra e dedita a vari reati tra cui truffa aggravata e raccolta abusiva del risparmio. Sono state arrestate sette persone. Nella loro attività sono state coinvolte a loro insaputa star del cinema e della musica, tra cui Andrea Bocelli e John Travolta. La banda sfruttava i nomi dei vip per compiere truffe.

 

LEGGI ANCHE > Napoli, clan della camorra utilizzava bambini (alcuni di soli 10 anni) per confezionare droga

 

TRUFFE, JOHN TRAVOLTA E ANDREA BOCELLI COINVOLTI A LORO INSAPUTA

A capo dell’organizzazione internazionale, secondo la Gdf, c’erano due cittadini italiani, entrambi destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare, Domenico Giannini, originario di Gallarate (Varese) ma residente da tempo in Svizzera (a Lugano), e Fabio La Rosa, un broker finanziario e impresario residente nella Repubblica Dominicana (a Santo Domingo) con cittadinanza americana e italiana. Attraverso una rete di collaboratori, Giannini e La Rosa avrebbero indotto oltre 200 persone tra risparmiatori e investitori a impegnare in totale 20 milioni di euro in un progetto immobiliare per la realizzazione di un lussuoso complesso turistico, che sarebbe dovuto sorgere prima nella Repubblica Dominicana e successivamente nell’atollo Blue Hole in Belize.

Si trattava di un inganno. I terreni in realtà non erano nelle disponibilità dei due e non godevano di permessi di edificabilità perché soggetti a tutela ambientale. Usando un noto manager di star hollywoodiane, gli arrestati hanno cercato di ‘vendere’ il progetto anche con ‘roboanti eventi propagandistici’, strumentalizzando l’immagine di John Travolta e di Andrea Bocelli, che venivano spacciati per soci e ambasciatori dell’operazione. Ma l’attore e il cantante erano completamente estranei al progetto. Bocelli ha anche fornito un rilevante contributo alle indagini.

 

TAG: truffe