Quando si insedia Trump

di Andrea Mollica | 20/01/2017

Quando si insedia Trump

La cerimonia di inaugurazione della presidenza di Donald Trump è prevista alle ore 12 di venerdì 20 gennaio 2017, ora di Washington, Dc. Dopo la pronuncia della formula prevista dalla Costituzione Donald Trump diventerà il quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti.


LEGGI ANCHE

L’insediamento di Donald Trump, cerimonia in diretta | Live

DATA INSEDIAMENTO TRUMP

In Italia saranno le 18 quando ci sarà l’insediamento di Donald Trump come successore di Barack Obama. Negli Stati Uniti è infatti previsto un periodo di poco superiore ai due mesi tra il martedì successivo al primo lunedì del mese – la data dello svolgimento delle elezioni presidenziali – e il 20 gennaio dell’anno successivo, quando il nuovo capo di Stato e di Governo degli Usa entra ufficialmente in carica. La data del 20 gennaio come inizio di una nuova amministrazione federale è fissata dal XX° emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, adottato nel 1933. Prima di allora il passaggio di consegne avveniva il 4 marzo, ma vista la severità della Grande Depressione i legislatori americani preferirono accorciare di quasi 2 mesi l’allora lungo periodo di transizione tra una presidenza e l’altra.  Dal 1937 ogni nuova amministrazione federale inizia il 20 gennaio, anche se la cerimonia può esser rimandata di un giorno se la data cadesse di domenica, come successo nel 2013, a meno di eventi straordinari come la scomparsa del presidente.

CERIMONIA INSEDIAMENTO TRUMP

Donald Trump diventerà ufficialmente il quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti appena pronuncerà la formula di giuramento di fronte al Chief Justice della Corte Suprema. Il momento solenne sarà preceduto da eventi culturali in tutta la Washington DC, e dal giuramento del vicepresidente Mike Pence. Dopo l’insediamento, che costituisce il momento in cui inizierà il lavoro dell’amministrazione Trump, il presidente sfilerà nella parata lungo le strade della capitale americana, prima di trasferirsi alla Casa Bianca. Dopo la cerimonia ci saranno numerosi balli e concerti, che festeggeranno l’avvio della nuova presidenza, la prima ricoperta da un leader senza alcun esperienza istituzionale precedente.

Aggiornamento di venerdì 20 gennaio 2017

Inizia tra poco la cerimonia di insediamento di Donald Trump. Ieri ci son state già proteste contro il nuovo presidente, che oggi ha partecipato a un servizio religioso in una chiesa di Washington insieme al vicepresidente Mike Pence e le rispettive mogli. Al National Mall della capitale americana la presenza della folla è come di consueto imponente.

Aggiornamento di giovedì 19 gennaio 2017

Tutto pronto per l’insediamento di Donald Trump. Questo pomeriggio il presidente e il vicepresidente Mike Pence visiteranno il cimitero nazionale di Arlington, collocato poco fuori Washington Dc, per poi presenziare al concerto presso il Lincoln Memorial. Alle 9 e 30 di domani, alle 15 e 30 ora italiana, inizieranno le esibizioni musicali che precedono la cerimonia di insediamento, aperta dal canto dell’inno nazionale di Jackie Evancho. Alle ore 18 Donald Trump giurerà nelle mani del Chief Justice della Corte Suprema, John Roberts.

Aggiornamento di mercoledì 18 gennaio 2017

Reuters rimarca come nonostante la fama di showman l’inaugurazione di Donald Trump si annuncia in tono minore, caratterizzata dall’assenza di grandi nomi dello spettacolo. Al momento tra le poche personalità di successo ci sono Mormon Tabernacle Choir, la cantante Jackie Evancho, che canterà l’inno, e il gruppo The Rockettes. Il comitato dell’inaugurazione ha spiegato di aver volutamente evitato nomi di richiamo visto che il presidente americano è già la più grande stella al mondo, anche se nelle settimane scorse si è allungata la lista degli artisti contattati che poi hanno rifiutato di esibirsi, come Elton John ed Andrea Bocelli.

Aggiornamento di martedì 17 gennaio 2017

Secondo il New York Times il comitato organizzato per l’insediamento di Donald Trump ha raccolto oltre 100 milioni di dollari, principalmente grazie alle donazioni di numerose grandi imprese americane.