Lui la picchia, lei chiama i carabinieri ma non lo denuncia: «Perché lo amo»

di Redazione | 15/01/2017

donna picchiata

Lui la picchia. Lei chiama i carabinieri ma non lo denuncia. «Perché lo amo», dice la donna. È quanto accaduto in provincia di Reggio Emilia. Una donna di 40 anni è stata aggredita dal compagno, colpita anche con un manico di scopa. Lei ha chiamato il 112, numero di emergenza dei carabinieri. Ai militari di Boretto ha poi mostrato i lividi che il compagno le aveva causato ma ha detto di non volerlo denunciare «perché lo amo». Una storia che ricorda quella di Ylenia Grazia Bonavera, la 22enne di Messina, pochi giorni fa ricoverata con ustioni di primo e secondo grado,  che difende l’ex ragazzo accusato della sua aggressione.

 

LEGGI ANCHE > Lite in diretta da Barbara D’Urso: parla Ylenia, bruciata dall’ex fidanzato. La madre tenta di far saltare il collegamento | VIDEO

 

DONNA PICCHIATA NON DENUNCIA COMPAGNO

I carabinieri, che hanno constatato la presenza nell’avambraccio destro e sul collo di lividi conseguenti alle botte ricevute, hanno però proceduto d’ufficio per l’aggravante dell’utilizzo di un corpo contundente quale il manico di scopa utilizzato per colpire la donna. L’uomo, 46enne residente nella Bassa reggiana, è stato così denunciato per lesioni personali aggravate. Ora carabinieri intendono verificare se l’episodio, come sostenuto dalla donna, sia isolato oppure possa contemplare l’ipotesi di maltrattamenti in famiglia.

(Foto da Pixabay.com)