vigilanza metro roma
|

Italpol scrive ad Atac: la municipalizzata deve 20 milioni di euro

Un debito di 20 milioni di euro che l’ATAC non riesce più a superare. Per questo motivo le stazioni della metropolitana a Roma rischiano di rimanere senza vigilanza privata.
Ne parla Vincenzo Bisbiglia su Il Fatto Quotidiano:

La Italpol Vigilanza Roma srl ha scritto lo scorso 30 dicembre all’Atac, società capitolina dei trasporti, una lunga e dura missiva nella quale afferma che se entro il mese di gennaio non sarà costituito un “tavolo di lavoro” per rientrare dell’ “ingente credito” – il tutto legato comunque a “una cospicua rimessa finanziaria” – l’Ati sarà costretta a “interrompere il servizio”. Tradotto: via la vigilanza e la sorveglianza dei siti aziendali (stazioni, depositi, ecc) e possibile stop parziale del trasporto pubblico capitolino.

VIGILANZA METRO ROMA: I RISCHI

La missiva è stata inviata anche alla sindaca Virginia Raggi, al prefetto di Roma, Paola Basiloni e al questore di Roma, Niccolo’ D’Angelo. “Nei servizi Atac – si legge sulla lettera riportata da Il Fatto – vengono oggi impiegate circa 275 guardie particolari giurate e 135 addetti di service, per un totale di circa 410 operatori quotidianamente presenti sul territorio. Tali lavoratori e le nostre unità centrali di supporto svolgono un fondamentale ruolo suppletivo nella garanzia di adeguati livelli di sicurezza nella maggior parte dei casi a contatto con migliaia di cittadini e turisti”. Persone che lavorano già con qualche mensilità di ritardo. “Abbiamo più volte ed in tutti modi fatto presente – continua la lettera firmata dall’a.d. Giulio Gravina – la grossa difficoltà gestionale nella quale le nostre strutture si vengono a trovare nel non potere disporre alla scadenza delle ingenti somme dovuteci senza ottenere, di fatto, un risultato apprezzabile e significativo”.

 

LEGGI ANCHE > L’accordo Atac che cancella tutta l’austerity dell’era Marino

 

Atac spiega che sono stati presi contatti con Italpol e che è stata versata una «prima tranche di 1,5 milioni circa». Al lavoro per tentare una mediazione – spiega il Fatto – ci sarebbe il dirigente dell’Area sicurezza, Pierluigi Pelargonio.

(foto via Twitter Virginia Raggi)