Il Volo dice no a Donald Trump: «Non cantiamo per chi ha posizioni razziste»

di Redazione | 07/01/2017

Il Volo Donald Trump

Il Volo ha rifiutato di esibirsi alla cerimonia per l’insediamento di Donald Trump. Il trio musicale ha motivato la sua decisione con l’incompatibilità delle posizioni politiche del nuovo presidente americano con le proprie. Le posizioni razziste e xenofobe di Donald Trump hanno spinto Il Volo a rimanere in Italia, rinunciando a un’occasione di grande visibilità.

IL VOLO E DONALD TRUMP

Il Volo, il trio formato da Gianluca Ginoble, Ignazio Boschetto e Piero Barone, è stato invitato a esibirsi alla cerimonia dell’insediamento della presidenza di Donald Trump, che si terrà il prossimo 20 gennaio. I musicisti italiani, dopo esser rimasti sorpresi per l’importante invito, hanno deciso di rimanere in Italia. La motivazione del rifiuto è principalmente politica, come spiegato dal Volo al Corriere della Sera

Abbiamo rifiutato il suo invito perché non siamo mai stati d’accordo con le sue idee: non possiamo appoggiare un uomo che ha basato la sua ascesa politica sul populismo oltre che su atteggiamenti xenofobi e razzisti. Non potevamo cantare per una persona con cui non condividiamo quasi niente

LEGGI ANCHE L’insediamento di Donald Trump, il 45esimo presidente degli Stati Uniti

IL NO DEL VOLO AL PRESIDENTE DONALD TRUMP

Il Volo ha rimarcato di aver condiviso la scelta del loro amico Andrea Bocelli, anch’egli invitato alla cerimonia di insediamento di Donald Trump. Bocelli ha suscitato una forte polemica in Italia come negli Usa rifiutando l’invito del nuovo presidente americano. Il Volo però non giudica negativamente chi suonerà per Donald Trump.

Non va criminalizzato chi si esibirà quel giorno, così come non va fatto con chi la pensa diversamente da noi. Per quanto ci riguarda ci rendiamo conto di essere un esempio per molti, soprattutto giovani, ed è per questo che raccontiamo la nostra idea

La scelta del Volo non è una presa di posizioni prettamente partitica, tanto che alla domanda del Corriere sul loro comportamento nel caso di un eventuale invito di Barack Obama i musicisti preferiscono non esprimersi.

Foto copertina: Facebook/Il Volo music